Attualità, Home, Imperia — 24 agosto 2018 alle 13:21

IMPERIA: DEBITO AMAT-COMUNE, IL SINDACO SCAJOLA:”PRONTA LA DIFFIDA PER GLI 11 MILIONI DI EURO”. IL PRESIDENTE PIRERO:”HA RAGIONE MA COSÌ…”

Una situazione debitoria, circa 11,6 milioni di euro, molto complessa che si ripercuote anche nei confronti di Rivieracqua, società consortile debitrice di Amat.

di Redazione

40007781_667514320308251_7129009961710911488_n

“Per quanto riguarda Amat, il comune non può più tollerare che manchino 11 milioni mai versati nelle proprie casse da troppo tempo. È in corso un’azione per rientrare in possesso di queste cifre con tutte le azioni conseguenti che il comune è pronto a fare. I dirigenti dei due uffici, sia nei confronti di Rivieracqua e Amat emetteranno una diffida”. Parole del sindaco Claudio Scajola che nell’ambito della conferenza stampa dei primi 60 giorni di mandato ha annunciato la diffida della società partecipata dal comune di Imperia al 52%  e da Iren al 48%.

Una situazione debitoria, circa 11,6 milioni di euro, molto complessa che si ripercuote anche nei confronti di Rivieracqua, società consortile debitrice di Amat. La società amministrata da Barbara Pirero è debitrice nei confronti del Comune da alcuni anni e il debito è lievitato sempre più.

“Il comune ha ragione se mi diffida – ha commentato il presidente di Amat Pirero - ma in questo modo rischiamo di finire in concordato come Rivieracqua e Aiga. Questa ipotesi, non lo nascondo, è al vaglio da tempo anche se le banche ci danno ancora fiducia. Rivieracqua è nuovamente indietro con pagamenti correnti, circa 2 milioni, è una situazione complessa”.