Dakar 2019: il pilota imperiese Maurizio Gerini chiude al 20° posto la terza tappa. “Percorso breve ma molto duro”/Le immagini

Sport

L’imperiese Franco Iannone, direttamente dal Perù, ci aggiorna sullo svolgimento di una delle gare di rally più famose del mondo

Dakar 2019. L’imperiese Franco Iannone, direttamente dal Perù, ci aggiorna sullo svolgimento di una delle gare di rally più famose del mondo.

DAKAR 2019 – Stage 3 San Juan de Marcona – Arequipa km totali 799 – trasferimento km 468 + SS km 331

Buone notizie che arrivano per due nostri azzurri in questa tappa n°3 della Dakar 2019, molto lunga e faticosa così come nella migliore tradizione del rally più famoso al mondo.

Lo aveva preannunciato Etienne Lavigne nelle varie presentazioni dell’edizione 2019 e ha mantenuto la parola; percorso più breve ma molto duro e selettivo con parecchia sabbia e vari problemi di navigazione. Lo sa bene Il pilota di punta del Monster Energy Honda Team, lo spagnolo Joan Barreda Bort#5, che risulta il primo ritirato eccellente della gara, lo stesso si è perso in un tratto della durissima speciale di 331 chilometri, senza tuttavia riuscire a ritrovare la giusta rotta e dopo aver perso più di un’ora nell’improbabile tentativo, si è visto costretto a ritiro forzato.

Ne trae così vantaggio un “galletto d’oltralpe” il francese Xavier De Soultrait#18 su Yamaha del Team Yamalube che vince la tappa in 04h07’42” davanti ad un solido quanto temibile Pablo Quintanilla#6 di Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing che agguanta il 2°posto a soli 15″ dal vincitore, mentre si rifà sotto Kevin Benavides#47 l’argentino dello squadrone Honda terzo a 2’37”.

Italiani in rimonta in questo Stage 3 con Jacopo Cerutti#33 su Husqvarna 450 Rally del Solarys Racing Team, che porta la sua moto oltre la finish-line della speciale in 04h37’23” a 29’41 dal vincitore della tappa De Soultrait, il comasco sta prendendo sempre più confidenza con la gara cominciando ad incrementare il suo ritmo di corsa dopo ave “resecato” il problema di ieri nella tappa 2, con il tubo di collegamento dei due serbatoi che, staccandosi, gli ha svuotato i serbatoi, facendogli perdere 7 preziosi minuti mentre transitava tra i primi 20 piloti.

Bene anzi benissimo il ligure Maurizio Gerini#42, compagno di scuderia del “Cerru”e con la stessa moto, che chiude in ottima 20a posizione con il tempo di 04h47’58” a 40’16” dal leader. Anch’esso ha cominciato ad allungare in virtù del giusto feeling che va in crescendo, sulla sua poderosa “Husqy”.

Nella classifica generale Cerutti scala posizioni e passa dalla 34a posizione alla 17a con un gap di 01h16’20” dall’attuale leader Quintanilla, mentre Gerini scade dalla 35a piazza al 22°posto, bene avanti tutta ragazzi !

Mirco Pavan#95 su Beta del NSM Racing Team sembra abbonato alla posizione n°84 e chiude in sicurezza in 06h24’00” a 02h16′ di distacco dal primo, Mirco ora risulta 78° nella Generale in 13h17’33” a+04h43’05” dalla vetta.

Grande merito e incoraggiamento per uno dei nostri due rookie, insieme con Mirco Miotto che corrono senza assistenza e sono da considerarsi a tutti gli effetti i veri “eroi” della nostra compagine in azzurro. Mentre vi scrivo, non sono ancora giunte notizie circa il resto della pattuglia italiana e le esigenze di comunicazione impongono una sorta di invio immediato del comunicato, così da rendere più agevoli le informazioni ai colleghi in Italia.

Vita dura anzi durissima per i cosiddetti “map-men” assoldati dai top team per agevolare in maniera anche poco “sportiva” la gara dei bikers e cosa ormai risaputa, che non potranno aggiungere nessuna nota in più nei roadbook dei propri piloti, pena la squalifica degli stessi dalla gara. Questo è stato sottolineato con forza ieri sera durante il breafing pre-gara al bivacco di San Juan de Marcona.

Domani tappa Marathon per gli Stages 4 e 5 con la partenza dal bivacco di Arequipa in direzione Moquegua per moto e quad, Tacna invece per camion, auto e sxs. Tappa senza assistenza durante la quale tutto dovranno adoperarsi in completa autonomia per le manutenzioni del caso senza poter essere avvicinati da nessuno. La prima moto partirà dal bivacco di Arequipa alle ore 05:30 per una giornata davvero lunga e stressante quanto ricca di intense emozioni; quelle della Dakar 2019.

Totale tappa 455 km il cui sviluppo prevede:

  • 1° trasferimento 85 km + 1a Speciale 351 km + 2a Speciale 146 km + 2° trasferimento 19 km.

Classifica dello Stage 3 San Juan de Marcona – Arequipa

  • 1 18 XAVIER DE SOULTRAIT YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 04H 07′ 42”
  • 2 6 PABLO QUINTANILLA ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 04H 07′ 57” + 00H 00′ 15”
  • 3 47 KEVIN BENAVIDES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2019 04H 10′ 19” + 00H 02′ 37”
  • 4 4 ADRIEN VAN BEVEREN YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 04H 14′ 24” + 00H 06′ 42”
  • 5 14 SAM SUNDERLAND RED BULL KTM FACTORY TEAM 04H 16′ 08” + 00H 08′ 26”
  • 16° Jacopo Cerutti – Husqvarna – Solarys Racing Team – 04h37’23” +00h29’41”
  • 20° Maurizio Gerini – Husqvarna – Solarys Racing Team – 04h47’58” +00h40’16”

Classifica Generale dopo lo Stage 3

  • 1 6 PABLO QUINTANILLA ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 08H 34′ 28”
  • 2 47 KEVIN BENAVIDES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2019 08H 45′ 51” + 00H 11′ 23”
  • 3 14 SAM SUNDERLAND RED BULL KTM FACTORY TEAM 08H 46′ 40” + 00H 12′ 12”
  • 4 4 ADRIEN VAN BEVEREN YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 08H 47′ 57” + 00H 13′ 29”
  • 5 3 TOBY PRICE RED BULL KTM FACTORY TEAM 08H 49′ 45” + 00H 15′ 17”
  • 17° Jacopo Cerutti – Husqvarna – Solarys Racing Team – 09h58’48” +01h16’20”
  • 22° Maurizio Gerini – Husqvarna – Solarys Racing Team – 10h03’33” +01h29’05”
Segui Imperiapost anche su: