Autista dà fuoco a bus studenti: “Pena di morte unica possibilità”. Imperia, il lapidario commento del coordinatore regionale dei giovani di Forza Italia

Imperia Politica Politica

Il riferimento è ai recenti fatti di cronaca che, nel milanese, hanno visto protagonista Ousseynou Sy, 47 anni, italiano, di origini senegalesi.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“La pena di morte per l’autista del bus è l’unica possibilità”. Questo il lapidario commento dell’imperiese Angelo Dulbecco, ex consigliere comunale del Pdl e oggi coordinatore regionale dei giovani di Forza Italia e assessore a Caravonica, piccolo comune dell’entroterra ponentino.

Dà fuoco a bus studenti, strage sfiorata nel milanese: l’imperiese Dulbecco si sfoga sui social. “Pena di morte per l’autista unica possibilità”

Il riferimento è ai recenti fatti di cronaca che, nel milanese, hanno visto protagonista Ousseynou Sy, 47 anni, italiano, di origini senegalesi, con precedenti per guida in stato di ebbrezza e abusi su minori. L’uomo, autista, ha dirottato un bus con a bordo 51 studenti delle scuole Medie, minacciandoli di morte. Obiettivo, secondo le prime informazioni, dar fuoco al bus e ai ragazzi per vendicare le morti dei migranti nel Mediterraneo, a suo dire attribuibili ai vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Una strage solo sfiorata grazie al coraggio di un giovane studente che, dopo essersi liberato (era stato legato, così come i suoi compagni, con fascette da elettricista), è riuscito a chiamare il 112, e al pronto intervento dei Carabinieri che, con grande professionalità e sangue freddo, sono riusciti a bloccare il bus e a far scendere i bambini prima che Ousseynou Sy, ora accusato di sequestro di persona e strage con l’aggravante della finalità terroristica, appiccasse il fuoco.

Dulbecco non è nuovo a prese di posizione provocatorie su temi di attualità che provocano forti reazioni sui social. Nel 2017 il coordinatore regionale dei giovani di Forza Italia ha denunciato 102 persone colpevoli, a suo dire, di averlo insultato in relazione a un post su Dj Fabo e l’eutanasia (“Hitler almeno lo faceva gratis”), scatenando anche la reazione della blogger Selvaggia Lucarelli. Il processo è tuttora in corso.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!