Imperia: al Liceo Vieusseux il convegno per ricordare Stephen Hawking. “Grande genio della storia recente”/Foto e video

Cultura e manifestazioni

A illustrare i vari temi legati alla figura di Stephen Hawking sono stati esperti provenienti da università italiane ed europee

Grande interesse oggi al Liceo Scientifico Vieusseux di Imperia per il convegno di studio intitolato “Gli universi di Stephen Hawking”.

“Gli universi di Stephen Hawking”, la conferenza al Liceo Vieusseux

A illustrare i vari temi legati alla figura di Stephen Hawking sono stati esperti provenienti da università italiane ed europee, la maggioranza dei quali sono stati, da giovani, alunni del Liceo Vieusseux. Ma anche alcuni studenti che stanno oggi frequentando il Liceo presenteranno i loro lavori, preparati con l’aiuto dei loro insegnanti.

In particolare, i relatori sono stati Cord Friebe, Universität Siegen,Leonardo Boselli, Università di Genova, Liceo “Vieusseux” Imperia,Stefano Salvia, Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa ePaolo Enrico, Università di Milano, Ospedale Maggiore Policlinico, Dipartimento di Psichiatria.

Giorgio Durante, docente di Filosofia e Storia

“Abbiamo organizzato questa conferenza per ricordare l’opera di uno dei più grandi geni della storia recente.

Grande personaggio, non solo per le scoperte scientifiche che ha fatto, ma anche per la forza di volontà, per l’esempio di persona che ha dato tutto contro una malattia terribile.

Qui al Liceo Scientifico siamo consapevoli che il compito principale della scuola è quello dello sviluppo, della produzione e della diffusione della cultura tra le giovani generazioni.

Abbiamo organizzato questo convegno attingendo all’enorme magazzino dei nostri ex studenti , che hanno frequentato questa scuola nel corso degli anni e poi si sono distinti per il loro impegno scientifico, per il loro lavoro, per i loro risultati che hanno conseguito nella vita.

Abbiamo 4 relatori , tre dei quali sono nostri ex alunni e un professore di filosofia della fisica dell’università di Siegen.

Abbiamo potuto presentare un programma di grande profondità, di grande intensità culturale e ne siamo fortemente orgogliosi”.

Segui Imperiapost anche su: