Imperia: privatizzazione Isah, summit in prefettura futuro dipendenti. Interviene la CISL. “Valuteremo possibili azioni in caso non si trovi soluzione politica”

Attualità Imperia

Così in una nota stampa la CISL FP della Regione Liguria, in merito all’incontro con il Prefetto, sul futuro dei dipendenti dell’Isah di Imperia

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“La CISL FP Liguria, a seguito dell’incontro tenutosi martedì 10 settembre, e presieduto da S.E. il Prefetto di Imperia, esprime soddisfazione per il risultato raggiunto, come richiesto dalla CISL, in favore delle Lavoratrici inquadrate in profili sanitari, che grazie alla disponibilità dell’Assessore Regionale alla Sanità e della Dirigenza ASL1 verranno ricollocate alle dipendenze dell’Azienda Sanitaria Imperiese – Così in una nota stampa la CISL FP della Regione Liguria, in merito all’incontro con il Prefetto, sul futuro dei dipendenti dell’Isah di Imperia.

Privatizzazione ISAH, l’intervento della CISL-FP della Liguria

“Nel contempo, come CISL FP siamo convinti che anche per gli altri Lavoratori, che hanno richiesto una ricollocazione per mantenere il rapporto di lavoro con una Pubblica Amministrazione, (ottenuto a suo tempo attraverso una selezione pubblica), debba essere ricercata una soluzione.

Considerato il notevole fabbisogno di personale delle Amministrazioni Pubbliche operanti sul territorio della Provincia di Imperia, anche conseguente ai pensionamenti già in atto e a quelli in previsione nei prossimi mesi, (che rischiano di creare difficoltà ai servizi se non si procede con rapide assunzioni), crediamo che la soluzione possa trovarsi, in tempi rapidi, con scelte politiche lungimiranti, attraverso l’acquisizione del Personale Isah, che ne faccia richiesta, anche disponibile a un cambio di mansioni, finalizzato al mantenimento del rapporto di lavoro con la Pubblica Amministrazione, concordando un piano di mobilità anche dilazionato, ma con tempi certi, per consentire la sostituzione delle figure sanitarie necessarie all’ISAH per garantire continuità ed efficienza delle attività dell’Ente , che svolge un fondamentale servizio pubblico alla cittadinanza, servizio che i Lavoratori e le Lavoratrici dell’Ente coinvolti, loro malgrado in questa privatizzazione, hanno sempre messo quale priorità assoluta del proprio lavoro.

Il numero dei richiedenti mobilità è talmente contenuto, rispetto agli oltre 100 addetti impiegati, tra i dipendenti diretti e gli indiretti, che sarebbe possibile la sostituzione senza pregiudizi per la funzionalità della struttura, e dando soddisfazione alle richieste di mobilità. Per questa ragione nei prossimi giorni, saremo impegnati nel coinvolgere gli Enti Locali operanti sul territorio, anche attraverso gli Uffici della Regione Liguria ai quali chiederemo un ulteriore impegno.

Qualora non fosse possibile trovare una soluzione politica alla vertenza, necessariamente saremmo costretti a valutare tutte le possibili azioni a tutela dei lavoratori coinvolti”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!