Imperia: privatizzazione Isah, bagarre in Commissione Capigruppo. “Maggioranza ha rifiutato discussione in consiglio comunale”

Imperia Politica Politica

Tensione alle stelle nella tarda mattinata di Tensione alle stelle in Commissione Capigruppo, a Imperia. All’origine dello scontro, piuttosto acceso, tra maggioranza e opposizione, la privatizzazione dell’ISAH.

Tensione alle stelle nella tarda mattinata di oggi, giovedì 19 settembre, in Commissione Capigruppo, a Imperia. All’origine dello scontro, piuttosto acceso, tra maggioranza e opposizione, la privatizzazione dell’ISAH.

Imperia: privatizzazione Isah, minoranza chiede discussione in Consiglio Comunale. Maggioranza si oppone

“La minoranza compatta ha chiesto di inserire all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale la discussione sulla privatizzazione dell’Isah – tuona a ImperiaPost il capogruppo di Vince Imperia Davide La MonicaNei mesi scorsi il direttore (Luca De Felice, ndr) e il presidente (Stefano Pugi) dell’Isah ci avevano rassicurato sulle sorti dei dipendenti, in particolare sul fatto che fossero tutti soddisfatti dell’iter di privatizzazione. La realtà emersa negli ultimi tempi, però, è ben diversa. Ho incontrato personalmente molti lavoratori Isah e sono insoddisfatti. Hanno chiesto la mobilità per non perdere lo status di dipendenti pubblici”.

“Purtroppo – prosegue La Monica – nel caso in cui fossero accolte le domande di mobilità, l’Isah dovrebbe fare i conti con una drastica riduzione del personale in termini di professionalità. Questo non è un aspetto di secondo piano. In quanto il Comune di Imperia, allo stato attuale, nomina tre membri nel cda dell’Isah, ci sembrava necessario discutere dell’argomento in consiglio comunale. Per dare un indirizzo politico, per verificare se davvero la privatizzazione possa essere un miglioramento in termini di servizio alla collettività”.

“La maggioranza – conclude La Monica – prima si è opposta alla nostra richiesta, poi dopo il consueto confronto con il Sindaco ha aperto alla discussione, ma non prima del 30 settembre. Una presa in giro visto che proprio entro il 30 deve essere rattificata la privatizzazione. Vogliamo che i cittadini sappiano cosa sta succedendo in questa città”.

Segui Imperiapost anche su: