Imperia, Isah: summit in Regione con sindacati, prorogati termini privatizzazione. “Ricollocati altri 2 dipendenti. Ne restano 5, ipotesi causa legale”

Attualità Imperia

I vertici dell’ente hanno accettato la richiesta della Regione di prorogare i termini della privatizzazione, in modo tale da avere il tempo utile per ricollocare altri dipendenti. 

Quindici giorni di proroga e due nuove ricollocazioni. Questo l’esito della commissione, svoltasi oggi pomeriggio in Regione Liguria, convocata per affrontare la questione della privatizzazione dell’Isah. Presenti i vertici dell’Ente imperiese, i rappresentanti sindacali Cgil e Cisl, oltre ai capigruppo regionali e a diversi dirigenti.

Privatizzazione Isah: ok a proroga di 15 giorni

Prosegue la battaglia dei sindacati per dare la possibilità ai dipendenti dell’Isah di essere ricollocati nel settore pubblico, nell’ambito della procedura di trasformazione della natura giuridica dell’azienda pubblica di servizi alla persona in fondazione privata.

Oggi, nel corso del summit, i vertici dell’ente hanno accettato la richiesta della Regione di prorogare i termini della privatizzazione, in modo tale da avere il tempo utile per ricollocare altri dipendenti.

Nico Zanchi

“La Regione ha dato due posti disponibili per i dipendenti dell’Isah, che saranno collocati all’interno delle strutture regionali nella provincia di Imperia. In totale c’erano 14 richieste di mobilità da parte di altrettanti dipendenti. Di questi, 4 sono stati ricollocati in Als, 1 è stato riconvertito al Comune di Spotorno, due si sono licenziati. Con i due posti resi disponibili dalla Regione, quindi, ne rimangono 5 da ricollocare. 

Abbiamo dimostrato la nostra soddisfazione. È stato detto che se in queste settimane saranno resi disponibili altri posti l’Isah darà la possibilità di spostarsi.

Noi abbiamo ribadito che non siamo mai stati contrari al processo di trasformazione, ma al fatto che una persona perda al diritto di essere dipendente pubblico. Molti dei presenti hanno chiesto al presidente Pugi come mai non viene dato più tempo per la privatizzazione, ma non è arrivata nessuna risposta.  

Per coloro che non riusciranno ad essere ricollocati inizieremo una causa legale. 

Su richiesta della Regione, ci sarà una proroga di due settimane per la privatizzazione, il tempo utile per ricollocare queste due persone”.

Segui Imperiapost anche su: