17 Giugno 2024 05:42

Cerca
Close this search box.

17 Giugno 2024 05:42

IMPERIA. IN PIAZZA PER SALVARE L’AGNESI. L’ARRIVO DAL COMUNE E IL COMIZIO FINALE. CAPACCI:”LA PAURA E’ FINITA”/FOTO E VIDEO

In breve: Intorno alle 11.30 il lunghissimo corteo di circa 1500 persone è arrivato in Piazza della Vittoria dove tutti i manifestanti si sono fermati per ascoltare i diversi interventi che si sono susseguiti a sostegno della causa per il pastificio Agnesi.

P1120554_1024x768

Imperia – Intorno alle 11.30 il lunghissimo corteo di circa 1500 persone è arrivato in Piazza della Vittoria dove tutti i manifestanti si sono fermati per ascoltare i diversi interventi che si sono susseguiti a sostegno della causa per il pastificio Agnesi.

Siamo soddisfattissimi – dichiara Gigi Lazzarini della CISL – vi ringraziamo per essere venuti qui a lottare per il futuro di Agnesi che deve restare ad Imperia, dove è nata 200 anni fa e non può allontanarsi da qui”.

Dobbiamo restare uniti – incalza Revello della CGIL lasciando poi la parola a Pietro Lai della UIL che ha dichiarato – siamo orgogliosi di vedere così tanta gente, dobbiamo far capire a questi pseudo imprenditori che non sono capaci a fare il loro mestierie che non possono venire qui a umiliare Imperia. Dobbiamo partire tutti uniti, di tutte le categorie, abbiamo un Sindaco che qualche proposta l’ha fatta e speriamo che Colussi accetti”

Ringrazio tutti i partecipanti – dichiara Carlo Capacci abbiamo scoperto con questa manifestazione che Imperia non è morta, Imperia vuole vivere e una giornata così va segnata nella storia di questa città. La paura è finita, dobbiamo alzare la testa. Parla la gente che è qua, non ho altro da aggiungere”.

Oggi possiamo dire “Silenzio parlano i lavoratori dell’Agnesi” perchè oggi si sono fatti veramente sentire. Vi confesso che venerdì dopo la lunga e pesante riunione ero sfiduciato, pensavo che avessero vinto loro, ora penso che sarà un conflitto lungo e duro, ma con questa grande mobilitazione Colussi non può fare finta di niente. Oggi voi avete dato forza a tutti, anche alle amministrazionidichiara l’assessore Enrico Vesco.

Siamo partiti in ritardo, ma questo non significa che non dobbiamo lottare – dichiara Valerio Romano della compagnia portuale Maresca – dovevamo iniziare a novembre, quando fu per la prima volta riconosciuto dalla Colussi che voleva chiudere il mulino e reintegrare i 28 operai che ci siamo lasciati a casa, fano parte di un pasticcio che ha fatto Colussi ossia demolire la fabbrica e creare inghippi e divisioni tra i lavoratori. La manovra fatta da Colussi sconfigge la compagnia portuale perchè senza il grano non andiamo avanti e sconfigge l’Agnesi. E’ importante che non si tramuti in speculazione edilizia quello che è il sogno della città. Il pastificio deve stare vicino al mare dove viene portato il grano”.

E’ stata una manifestazione emozionante – dichiara il consigliere di Imperia Bene Comune Mauro Servalli – la città è scesa in piazza con gli operai. Crediamo ci siano delle possibilità per l’Agnesi e passano attraverso la mobilitazione , non è vero che lo stabilimento non è più in grado di produrre, semplicemente non dà più i profitti che vuole Colussi. Il lavoro e il futuro della città non possono essere svenduti per gli interessi di un singolo. Inoltre la fabbrica in quella posizione, in quel luogo, è fondamentale e può diventare un segno di ripresa della città“.

Condividi questo articolo: