Imperia: Marco, ennesima vittima del caso Dentix. “Rischio di perdere 4 mila euro, mi sono rivolto a un avvocato”

Attualità Giudiziaria Imperia

Barbero, in cura presso la clinica dentale Dentix di via della Repubblica, a Imperia, chiusa ormai da alcuni mesi, che ha deciso di rivolgersi a un avvocato per provare a risolvere la situazione.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

Marco Barbero, 35enne imperiese, è l’ennesima vittima del caso Dentix.

Imperia: clinica Dentix, un altro paziente nell’incertezza

Per via della chiusura improvvisa di tutte le sedi italiane dell’azienda, sono centinaia i pazienti che si trovano nell’incertezza, senza sapere se e quando potranno ottenere le prestazioni dentarie per cui hanno pagato, anticipando somme con finanziamenti, assegni e contanti.

Tra queste storie c’è anche quella di Barbero, in cura presso la clinica dentale Dentix di via della Repubblica, a Imperia, chiusa ormai da alcuni mesi, che ha deciso di rivolgersi a un avvocato per provare a risolvere la situazione.

La testimonianza di Marco Barbero

Quando è iniziato il suo rapporto con Dentix?

“A settembre del 2019. Avevo dolore a un dente. Avevo sentito parlar bene di questa clinica e mi sono rivolto a loro. Alla prima visita, gratuita, mi hanno fatto il preventivo, che prevedeva una serie di lavori per sistemare dei problemi che avevo da tempo. Il totale era di circa 5 mila euro. Ho stipulato così un finanziamento con Cofidis, tramite Dentix. Da allora pago 82 euro al mese”.

È stato sottoposto a degli interventi in questi mesi?

“Sì, abbiamo fatto qualche otturazione. In alcune occasioni, ad esempio per il fatto che i medici, venendo da fuori, erano rimasti bloccati in autostrada, mi sono stati rinviati degli appuntamenti, ma per il resto è andato tutto bene.

A gennaio, poi, sembravano si fossero dimenticati di me, così sono andato di persona per ricordare gli interventi a cui ancora dovevo essere sottoposto e mi hanno fissato altri appuntamenti”.

Cos’è successo poi?

“Con lo scoppio dell’epidemia Covid, a marzo mi hanno chiamato spiegandomi che dovevano chiudere per l’emergenza e che avremmo ripreso le sedute più avanti. Avevo ancora 3 interventi importanti in programma, si trattava di 3 estrazioni, e due molari da sostituire.

Mi sono iniziato a preoccupare quando, dopo la fine del lockdown, tutti avevano iniziato a riaprire tranne la Dentix. Da lì ho provato a contattarli, ma non sono mai riuscito a parlare con nessuno.

Per questo mi sono rivolto al mio avvocato.

Nel frattempo, inoltre, a causa di un’infiammazione gengivale, ho dovuto ricorrere alle cure di un altro dentista”.

Avvocato Ilenia Siccardi

“Abbiamo deciso di inviare una lettera di diffida ad adempiere e di messa in mora, intimando alla società di corrispondere, altresì, le somme per le ulteriori spese mediche che il mio assistito ha dovuto sostenere nell’immediato.

La Dentix ha 7 giorni di tempo per rispondere, una tempistica ristretta data la gravità dell’inadempimento. Se non riceveremo riscontro chiederemo la risoluzione del contratto per interrompere il finanziamento ed ottenere il rimborso delle rate già pagate”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!