Coronavirus: tamponi Covid a frontiera Italia-Francia, parla l’On. Di Muro. “Follia del Governo, mentre continuano sbarchi controllati”

Coronavirus Politica

“Per il Governo il problema sono i lavoratori frontalieri, ma si gira dall’altra parte davanti a sbarchi quotidiani di centinaia di immigrati nei nostri porti”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Per il Governo il problema sono i lavoratori frontalieri, ma si gira dall’altra parte davanti a sbarchi quotidiani di centinaia di immigrati nei nostri porti, con continue fughe anche di persone positive al Covid. Siamo alla follia”. Così l’On. Flavio Di Muro, Parlamentare e referente provinciale della Lega, commenta l’ipotesi di obbligo dei controlli anti-Covid alla frontiera italo-francese annunciata dal sottosegretario alla Salute Sandra Zampa.

Coronavirus: controlli Covid alla frontiera Italia-Francia, parla l’On. Di Muro

“La Lega di governo in Regione Liguria si oppone categoricamente ai tamponi obblibgatori per i circa 4 mila lavoratori della provincia di Imperia che ogni giorno, per lavoro, attraversano il confine – dichiara Di Muro – Domani incontrerò il presidente Toti, in visita nella nostra provincia, e affronterò anche questo tema perché possa essere portato all’attenzione della conferenza Stato Regioni: dopo i controlli alle frontiere, che nel post lockdown hanno provocato disagi infiniti ai frontalieri, sarebbe un colpo mortale all’economia locale se fosse attuato il tampone obbligatorio da e per la Francia”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!