Imperia: asilo Borgo Prino senza mensa, ennesimo rinvio. Genitori sul piede di guerra. “Inaccettabile, nessun rispetto per le famiglie”

Attualità Imperia

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione   Aiutateci ad informarvi! “Ritardo inaccettabile”. Commentano così i genitori dei bambini che frequentano la Scuola dell’Infanzia di Borgo Prino, dopo aver ricevuto l’ennesima comunicazione del rinvio del servizio mensa. In particolare, si tratta del terzo slittamento rispetto all’originale data di inizio per tutte le scuole (5 ottobre). Un ritardo che, […]

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

“Ritardo inaccettabile”. Commentano così i genitori dei bambini che frequentano la Scuola dell’Infanzia di Borgo Prino, dopo aver ricevuto l’ennesima comunicazione del rinvio del servizio mensa.

In particolare, si tratta del terzo slittamento rispetto all’originale data di inizio per tutte le scuole (5 ottobre). Un ritardo che, secondo quanto emerso, sarebbe riconducibile alla mancanza del collaudo al nuovo prefabbricato arrivato (lo scorso 19 settembre) per far fronte alla necessità di maggiori spazi per garantire il distanziamento sociale tra gli studenti.

Imperia: asilo Borgo Prino senza mensa, ennesimo rinvio

Il primo rinvio aveva stabilito l’inizio al 12 ottobre, il secondo al 19. A tre giorni dal giorno stabilito, però, le famiglie hanno ricevuto un’ulteriore comunicazione di slittamento, senza l’indicazione di una data certa.

“Un ritardo inaccettabile – affermano i genitori – non si può continuare a rimandare di settimana in settimana l’inizio della mensa. Ci sono famiglie che lavorano che si sono organizzate e hanno esigenze lavorative.

A quanto pare il ritardo è imputabile alla mancanza del collaudo del prefabbricato. Come mai il Comune non si è mosso per tempo, dato che la scuola è chiusa da marzo scorso? Non ci sono comunicazioni chiare.

Nessuno dell’amministrazione – continuano – si è ancora esposto dando delle spiegazioni ufficiali in prima persona o chiedendo scusa alle famiglie per il disagio. Non c’è rispetto. Dovrebbero trovare una soluzionealternativa in attesa di risolvere il problema. Se non saremo ascoltati, stiamo pensando di organizzarci per azioni simboliche di protesta”.

Contattata da ImperiaPost, l’assessore ai lavori pubblici Ester d’Agostino non ha risposto alle richieste di chiarimento.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!