Regione Liguria: scontro fra il presidente Toti e la Lega sui primi nati del nuovo anno. Al centro della polemica una bimba nata da una mamma nigeriana / Il caso

Politica

“Non si può definire italiano, né ligure, chi nasce sul nostro territorio da genitori stranieri”. Lo ha dichiarato il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Stefano Mai

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Non si può definire italiano, né ligure, chi nasce sul nostro territorio da genitori stranieri”. Lo ha dichiarato il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Stefano Mai, nel commentare le prime nascite in Liguria, con chiaro riferimento alla presenza, fra queste, di una bambina nata da una mamma nigeriana.

Un commento che inevitabilmente ha scatenato una serie di polemiche, creando anche attriti fra il presidente Giovanni Toti e gli alleati leghisti.

Dice Mai: “Auguri e benvenuti a tutti i nuovi nati del 2021 in Liguria, ma ribadiamo che per essere italiani e liguri sia necessario intraprendere un percorso ben definito e quindi richiedere successivamente la cittadinanza, secondo quanto previsto dalle norme vigenti. NO allo Ius soli”. Con la Lega al governo in Liguria così come, speriamo presto, a Roma non accadrà mai che l’acquisizione della cittadinanza italiana avvenga come semplice conseguenza del fatto giuridico di essere nati in Italia. Occorre difendere le nostre tradizioni e la nostra identità. Pertanto, la trasmissione alla prole della cittadinanza dei genitori, sulla base della discendenza e non del luogo di nascita, è fondamentale”.

Botta e risposta fra il presidente della Regione Giovanni Toti e il parlamentare leghista Edoardo Rixi. Tensione nella maggioranza regionale

Il presidente Toti ha subito cercato di porre freno alla situazione affermando: “Stupisce, lascia amareggiati e per la verità anche un po’ perplessi che qualcuno, in un anno come questo, riesca a fare polemica anche su un post di benvenuto al mondo per una bimba nata in una notte così carica di dolore e di speranza”.

A Toti ha però replicato Edoardo Rixi, segretario ligure e parlamentare della Lega, che ha affermato: “Quella bambina non è ligure, la nostra posizione è chiara e nota, la Lega è contraria allo ius soli e fino all’altro ieri questa era anche la posizione di Toti. Lei non è cittadina dello Stato, se arriva lo ius soli lo sarà, ma per ora non lo è. Niente contro di lei, ma devo dire che poi non apprezzo il fatto che si mettano in mezzo bambini appena nati e si utilizzino per commenti politici. Speriamo che la Liguria possa dare prospettive a tanti, ma noi, come maggioranza in Regione, siamo contro lo ius soli”.

La senatrice del M5S Elena Botto: “Commenti ignobili di infinita bassezza e ignoranza”

Sulla questione è quindi intervenuta la senatrice ligure del MoVimento 5 Stelle Elena Botto. Che dice: “I commenti comparsi sotto un post del presidente della Regione Liguria sulla prima bambina nata in Liguria sono ignobili, di una infinita bassezza e ignoranza. Purtroppo, questo orrido spettacolo non bastava: ad aggiungerci il carico ci ha pensato la politica nella persona del deputato Edoardo Rixi, che ha cavalcato la polemica affermando che quella bambina, nata da mamma nigeriana, non è ligure. Tra l’altro Rixi, mentre da una parte la butta sul ‘prima gli italiani’, dall’altra non dice una parola contro quei commenti razzisti. Quella piccola e i suoi genitori non meritano robaccia del genere in questo giorno così speciale: è nata una bimba, una nuova vita e per questo oggi è un giorno unico e incredibile al di là di qualunque lingua, colore, religione o nazionalità”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!