Imperia: caso incompatibilità Falbo, opposizione raccoglie firme per consiglio monotematico/Gli scenari

Imperia Politica Politica

Continua a far discutere la contestata incompatibilità del consigliere Falbo dopo l’affidamento, alla ditta di cui è titolare, dell’appalto Seris per le pulizie.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Continua a far discutere la querelle sulla contestata incompatibilità del consigliere comunale di Area Aperta Giuseppe Falbo dopo l’affidamento, alla ditta di cui è titolare, la Clean Star, dell’appalto Seris (società al 100% comunale) per la pulizia degli stabili comunali, segnatamente il Palazzo Civico e i mercati coperti di Oneglia e Porto Maurizio.

L’opposizione, per mano del capogruppo del M5S Maria Nella Ponte, ha chiesto di poter discutere il caso in consiglio comunale. Dopo il ritiro della pratica nell’ultimo consiglio (22 febbraio) per un errore in fase di presentazione (figurava come discussione e non come delibera, escludendo dunque la possibilità di voto), la minoranza contava di poterla ripresentare in vista del consiglio del prossimo 15 marzo. Nel corso della conferenza capigruppo di ieri, lunedì 8 marzo, non senza polemiche, il presidente Pino Camiolo ha però comunicato l’impossibilità di inserire la pratica all’ordine del giorno per alcuni vizi di natura amministrativa nei tempi di presentazione.

Imperia: caso Falbo, scatta la raccolta firme della minoranza

L’opposizione, guidata da Maria Nella Ponte, ha così deciso di ricorrere allo strumento della raccolta firme per chiedere la convocazione di un consiglio comunale monotematico con all’ordine del giorno la contestata incompatibilità del consigliere comunale Giuseppe Falbo.

Un consiglio che sarà un vero e proprio banco di prova interno alla maggioranza. Tra i banchi dei gruppi di governo, infatti, serpeggia il malumore e alcuni consiglieri avrebbero già annunciato di non voler presenziare in aula, anche perché il voto sulla pratica potrà essere impugnato dalla minoranza davanti al Tar o davanti al Prefetto.

Riuscirà il Sindaco Claudio Scajola a ricompattare la propria maggioranza prima del voto? 

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!