Imperia: pista ciclabile, doccia fredda per il Comune. La Regione boccia le varianti. “Sia ripristinata l’originaria progettazione”/Il caso

Attualità Imperia

Secondo la Regione, l’attuale progetto potrebbe compromettere la ciclabile e i contributi per i Comuni del Golfo Dianese e di Andora

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

La Regione ha bocciato le varianti al progetto della nuova pista ciclabile, già in fase di realizzazione, avanzate dall’Amministrazione comunale di Imperia. La comunicazione è stata inviata nei giorni scorsi a Palazzo civico dal dirigente regionale del settore Infrastrutture e Trasporti e rappresenta indubbiamente una doccia fredda per l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Claudio Scajola.

La prescrizioni della Regione per il progetto della nuova ciclabile

Nel documento, con il quale si approva l’iter procedurale della pista ciclabile imperiese, i tecnici della Regione impongono quali prescrizioni per l’approvazione definitiva il ripristino della “continuità formale della sede ciclabile  rispetto al tracciato indicato nello studio di fattibilità approvato nell’ambito dell’Intesa Quadro del 11/05/2018, con particolare riguardo al tratto di strada ‘Incompiuta’ e che “sia ripristinata la continuità qualitativa del tratto di ciclovia […] nel rispetto delle caratteristiche geometriche di cui all’originaria progettazione“.

Inoltre, la Regione avanza dubbi anche sul sottopasso di via Trento, evidenziandoincongruenze tra planimetria e sezioni di progetto”.

Secondo la Regione, l’attuale progetto potrebbe compromettere la ciclabile e i contributi per i Comuni del Golfo Dianese e di Andora

Tra i problemi di maggior rilievo, secondo la Regione, la realizzazione di un parcheggio pubblico in corrispondenza dell’‘Incompiuta'”. Il motivo? Secondo i tecnici “interrompe la continuità della ciclovia turistica nazionale Tirrenica, pregiudicando la complessiva fattibilità dell’intero tracciato da Ventimiglia a Roma“.

La variante, inoltre, secondo la Regione “presenta ulteriori aspetti di natura tecnica e dimensionale che potrebbero compromettere la positiva valutazione del ministero delle Infrastrutture dell’intera ciclovia e la concessione del contributo per la realizzazione dei lavori nei vicini Comuni di Diano Marina, San Bartolomeo al Mare, Cervo e Andora“.

Insomma, una bocciatura piuttosto tranchant che rischia di mettere la parola fine anche a uno dei progetti più amati dal Sindaco Claudio Scajola e già oggetto, in passato, di feroci polemiche: il bus elettrico a fianco della ciclabile.  Senza contare il rischio, a questo punto, che la fine lavori potrebbe slittare.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!