24 Aprile 2024 07:21

Cerca
Close this search box.

24 Aprile 2024 07:21

Imperia, il caso pista ciclabile in Consiglio comunale. Il sindaco Scajola: “Ottemperato a prescrizioni Regione. A settembre il completo affidamento dell’opera”

In breve: Trovato l'accordo per posizionare il nuovo tubo del Roja nella sede della pista ciclabile. I fondi saranno anticipati da Regione e Comune

In apertura della seduta del Consiglio comunale di stasera, il sindaco di Imperia Claudio Scajola ha fatto il punto sull’iter di approvazione, in sede di Conferenza dei servizi, della pista ciclopedonale. Scajola ha annunciato che l’opera dovrebbe essere consegnata all’impresa per i lavori, nella sua interezza, entro settembre.

Spiega Scajola: “Dalla prossima settimana verrà definita la Conferenza dei servizi per l’approvazione della pista ciclabile. Abbiamo ottenuto i pareri favorevoli di Capitaneria di Porto, settore Demanio del Comune e settore Infrastrutture della Regione. E’ giunta una nota della Regione con la richiesta di integrazioni, che la direzione dei lavori pensa di poter fornire entro la prossima settimana“.

Prescrizioni al progetto della ciclabile anche da parte della Sovrintendenza

Altre prescrizioni, come annunciato in Consiglio dallo stesso primo cittadino, sono giunte dalla Soprintendenza, che ha chiesto che gli interventi di restauro delle murature storiche siano effettuati con materiali e tecniche compatibili ai manufatti esistenti e che l’illuminazione della Torre di Prarola sia integrata nella geometria della stessa torre e infine che l’intero intervento sia svolto con l’assistenza archeologica in corso d’opera.

Claudio Scajola ha anche ammesso che il “settore Infrastrutture della Regione ha chiesto la continuità formale sede ciclabile nel tratto dell’Incompiuta, con una larghezza di 4,5 metri e l’Amministrazione si è impegnata in tal senso“, evidenziando che, a suo dire, le “prescrizioni sono compatibili con la variante approvata dall’Amministrazione“.

Trovato l’accordo per posizionare il nuovo tubo del Roja nella sede della pista ciclabile. I fondi saranno anticipati da Regione e Comune

Il primo cittadino ha poi evidenziato come le migliorie adottate abbiamo consentito di impiegare i 3,6 milioni di euro del ribasso d’asta, che altrimenti sarebbero tornati nelle casse dello Stato.

Sottolinea il sindaco Scajola: “Abbiamo chiesto anche inserimento del nuovo tratto dell’acquedotto del Roja. Dopo un complesso iter tecnico e politico, è stata approvata un’intesa per il finanziamento della posa della conduttura che dal Prino vada fino al lungomare Vespucci. La Regione, a titolo di anticipazione al finanziamento ministeriale, ha deciso di mettere a disposizione 2,9 milioni di euro. La restante parte, circa 1,6 milioni, sempre a titolo di anticipazione sarà messa dall’Amministrazione comunale, attraverso il ricorso alla Cassa depositi e prestiti”.

Sempre nell’ambito della realizzazione della nuova pista ciclabile, verranno acquisiti al patrimonio del Comune i giardini e la fontana dell’ex stazione ferroviaria di Porto Maurizio, così come il capannone dell’ex scalo merci. E’ stato inoltre previsto, fra gli altri, un collegamento verticale fra la ciclabile e la nuova stazione ferroviaria e diversi collegamenti fra la ciclabile e il mare.

Condividi questo articolo: