Imperia: i “Delfini del Ponente” ripuliscono la spiaggia del Parco Urbano. “Raccolti 7 sacchi di rifiuti, tra cui mascherine e frammenti di plastica”/Le immagini

Cultura e manifestazioni

L’associazione Delfini del Ponente si occupa della salvaguardia e del monitoraggio delle specie marine nelle acque del Mar Ligure di Ponente e proprio per questo è molto sensibile alle tematiche legate all’inquinamento.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Sette sacchi di immondizia raccolti dal team dell’Associazione Delfini del Ponente. Fra gli altri sono stati ritrovati: 28 bottiglie vetro, 52 bottiglie plastica, 49 lattine, 21 mascherine, 2 lenze da rete, 28 indumenti, 91 tappi di latta, 131 tappi di plastica, 3 cartucce per fucile e 4 accendini.

“È stata un’ottima occasione per prenderci cura del nostro mare e della nostra città e per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della salvaguardia dell’ambiente”.

Erano gli anni ‘50 e un giovane talentuoso Andy Warhol si mostrava al mondo come il più grande e innovativo artista della sua epoca. E fu proprio lui, già in quegli anni, a dichiarare che avere la possibilità di vivere sulla Terra e non rovinarla era la forma d’arte migliore che si potesse desiderare.

Già, perché il nostro è un Pianeta unico e speciale, anche se troppo spesso fingiamo di non ricordarlo. Così, noncuranti delle ripercussioni delle nostre azioni, gettiamo un mozzicone di sigaretta per terra, oppure “dimentichiamo” una bottiglietta di plastica tra gli scogli.

Cos’è la Plastic Hunt

La Plastic Hunt, iniziativa arrivata alla sua seconda edizione, si muove quindi nell’ottica di far riflettere ognuno di noi sull’enorme quantità di rifiuti che abbandoniamo al nostro passaggio, sui danni che essi provocano se non vengono smaltiti correttamente e sulle ripercussioni ambientali.

Nonostante l’emergenza sanitaria quindi, la salvaguardia dell’ambiente non si è mai fermata e anche quest’anno svariati team di tutto il mondo nel mese di agosto hanno preso parte a questa iniziativa di raccolta rifiuti.

I risultati del team Delfini del Ponente APS

Anche l’associazione Delfini del Ponente APS ha deciso di prendere parte a questa “Caccia alla plastica”, ripulendo la zona della spiaggia del Parco Urbano a Imperia nei pressi del Lungomare Amerigo Vespucci.

“La nostra squadra era composta da un team di nove volontari e abbiamo raccolto un totale di sette sacchi neri di rifiuti – spiega Elena Fontanesi, Vice Presidente dell’Associazione – I pezzi più abbondanti che abbiamo trovato sono stati 28 bottiglie vetro, 52 bottiglie plastica, 49 lattine, 21 mascherine, 2 lenze da rete, 28 indumenti, 91 tappi di latta, 131 tappi di plastica, 3 cartucce per fucile e 4 accendini. Ma la quantità di frammenti di plastica che non si potevano contare è quella che ci ha fatto riflettere di più. I bagnanti e i turisti ci hanno aiutato”.

L’associazione Delfini del Ponente si occupa della salvaguardia e del monitoraggio delle specie marine nelle acque del Mar Ligure di Ponente e proprio per questo è molto sensibile alle tematiche legate all’inquinamento.

“La Plastic Hunt – racconta Elena – È stata un’ottima occasione per prenderci cura del nostro mare e della nostra città. Abbiamo coinvolto i nostri stagisti e insieme abbiamo anche sensibilizzato tutti i bagnanti e i turisti che si trovavano nella zona. Quando hanno visto cosa stavamo facendo ci hanno aiutato spontaneamente portandoci tutti i rifiuti che trovavano”.
Il pericolo dell’inquinamento legato alle microplastiche

Quando guardiamo una spiaggia infatti, il più delle volte, lo facciamo in modo superficiale e ci sembra pulitissima. Eppure basta scrutare un pochino più a fondo per scoprire una grande quantità di piccoli rifiuti che sono pericolosi per l’ambiente esattamente quanto quelli più grossi e vistosi.

La zona che abbiamo pulito nell’ambito della Plastic Hunt – spiega Elena Fontanesi – ad un primo sguardo sembrava pulita. Ma quando abbiamo iniziato a raccogliere i rifiuti più grossi ne abbiamo trovati moltissimi di piccole dimensioni. Tanti si trovavano anche in mezzo agli scogli”.

“Molti pezzi di plastica, quando li prendevamo in mano si sbriciolavano. Questo implica che erano lì da moltissimo tempo ed è una cosa che deve far riflettere. La plastica non si degrada, si frantuma generando microplastiche che finiscono ovunque, trasportate dal vento o dal mare, ed entrano poi nella catena alimentare. Ecco perché è importante agire subito e non voltarci dall’altra parte. Quando troviamo un rifiuto, anche se non è nostro, dovremmo fare la nostra parte e raccoglierlo”.

L’importanza di non inquinare e di salvaguardare l’ambiente

La salvaguardia dell’ambiente quindi parte dalle scelte di ognuno di noi e questa seconda edizione della Plastic Hunt porta quindi a riflettere ancora di più sull’importanza di non inquinare. Ogni decisione che prendiamo ha conseguenze importanti sull’ambiente, sulla flora, sulla fauna e anche sulla nostra stessa salute.

È fondamentale conferire i rifiuti correttamente, differenziarli e non voltarsi dall’altra parte: “Anche la spiaggia più pulita, se osservata bene, nasconde migliaia di frammenti di plastica o altri rifiuti pericolosi per l’ambiente e per noi – chiosa Elena Fontanesi di Delfini del Ponente APS – Dovremmo fare tutti la nostra parte e soprattutto, non voltarci dall’altra parte facendo finta di niente”.

Chi sono i “DELFINI DEL PONENTE APS”

Delfini del Ponente APS riunisce persone di competenze, formazione ed età differenti; siamo però tutti accomunati da uno scopo condiviso: individuare, mediante l’attività di ricerca scientifica, aree di importanza naturalistica e favorire la loro protezione.

Contemporaneamente ci impegniamo a condividere queste tematiche per far conoscere l’incredibile biodiversità del Ponente Ligure e l’importanza di preservarla.

C.S.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!