IMPERIA – SCIOPERO LAVORATORI TRADECO. ADESIONE DEL 100%. ECCO IL BOTTA E RISPOSTA TRA IL SINDACO URSO E LA MARCA (UIL)

Attualità Home

 

 

Collage la marca urso
Da sinistra: Valerio Urso e Luigi La Marca

IMPERIA –  100% . È stata questa la percentuale di adesione allo sciopero indetto per la giornata odierna dai lavoratori della Tradeco, la società pugliese che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti in 35 comuni della Provincia. In città, durante la giornata si sono create situazioni di disagio a causa dell’accumulo di rifiuti ma fortunatamente la situazione sembra essere sotto controllo. Nella giornata di domani i lavoratori si recheranno davanti al Comune di Diano Marina dove è previsto un incontro con l’assessore all’ambiente Francesco Bregolin.

Nel frattempo si innesca una polemica a distanza tra il sindaco di San Bartolomeo al Mare Valerio Urso e i sindacati. Urso ha dichiarato: Duole constatare che la comunicazione ufficiale della manifestazione sindacale sia giunta a questa Amministrazione comunale solo oggi (ieri per chi legge) alle ore 17:30, impedendo di fatto di mettere in atto tutte le procedure che avrebbero potuto contribuire a ridurre il disagio per l’utenza. Peraltro, senza rispettare le procedure nazionali che prevedono un preavviso di almeno 10 giorni e indicazioni agli utenti almeno 5 giorni prima della data prefissata. L’Amministrazione Comunale di San Bartolomeo al Mare ha provveduto ad inviare una informativa dettagliato al Prefetto di Imperia, nella quale non ha mancato di sottolineare come sussista il pericolo di un pregiudizio grave e imminente ai diritti della persona, tutelati costituzionalmente”.

A Urso replica Luigi La Marca (UIL): “Abbiamo proclamato lo sciopero il 26 giugno con un congruo anticipo. Se il sindaco ha dei problemi di comunicazione con il comune capofila non é colpa dei sindacati e se oggi San Bartolomeo e invivibile è anche colpa sua. Urso ha fatto parte della maggioranza che ha sponsorizzato questo mega appalto che ad oggi si è dimostrato un fallimento. Il sindaco di San Bartolomeo pensi a fare  gli interessi dei cittadini che pagano le tasse senza avere un servizio che pagano caro e lasci fare al sindacato, a chi ha difeso i lavoratori e non è stato ascoltato in tempi non sospetti da tutte e trentacinque amministrazioni che hanno sostenuto questi megalomani”.