Tamponi in porto: da oggi Go Imperia e Comune in supporto all’Asl. “La collaborazione ha dato un risultato, ma sono anche calati gli accessi”/Foto e Video

Attualità Imperia

A partire da questa mattina personale della Go Imperia e Protezione civile del Comune di Imperia operano in supporto dell’Asl per cercare di risolvere i problemi creatisi nel centro tamponi allestito nel porto turistico, lungo il Molo Pastorelli.

Finalmente aperti anche i bagni, sanificati a cura dell’Asl

Come deciso ieri, dopo un tavolo di lavoro a Palazzo comunale, personale di Go Imperia in parte supporta la Polizia locale per indirizzare i veicoli delle persone che devono sottoporsi al tampone e in parte opera nell’ufficio dell’Asl per raccogliere i dati e consentire così ai dipendenti Asl di dedicarsi solo all’effettuazione dei test, di fatto raddoppiando la velocità. I volontari della Protezione civile comunale invece distribuiscono acqua e offrono assistenza alle persone in coda, come fatto ieri, provocatoriamente, dalla redazione di Imperiapost. Risolto anche il problema della mancanza di servizi igienici per gli utenti, anche quello denunciato dal nostro giornale: ora i bagni sono aperti e vengono sanificati a cura dell’Asl.

Questa mattina i tempi di attesa sono stati di circa due ore, ma si sono registrati decisamente meno accessi rispetto al solito, probabilmente complice il fatto che da lunedì sarà possibile effettuare i tamponi per la verifica di coloro che sono stati a contatto con un positivo anche nelle farmacie e quelli per fine quarantena anche nei centri medici autorizzati. In mattinata sono comunque affluite circa 250 auto e la coda, diversamente dagli altri giorni, si è fermata all’interno dello scalo portuale.

Inizio con qualche ritardo, per formare il personale della Go Imperia per la raccolta dati

Spiega il dottor Carlo Amoretti, direttore del Distretto sanitario imperiese: “La collaborazione con il Comune, la Go Imperia e la Protezione civile oggi ha dato un risultato, legato comunque anche a un calo degli accessi, forse per le nuove normative della Regione, che saranno attive da lunedì. Solitamente abbiamo una coda che arriva fino alla piscina, mentre oggi le auto sono solo lungo il molo. Abbiamo iniziato con un po’ di ritardo, intorno alle 7,40, perché è stato necessario formare il personale della Go per raccogliere i dati e consentire in questo modo di dedicare tutto il personale dell’Asl all’effettuazione dei tamponi”.