Imperia: 17enne ferito dopo incidente su Capo Berta lancia un appello. “Siate sempre cauti, sulla strada non si è mai troppo prudenti”

Attualità Imperia

“Vorrei dire a tutti i motociclisti e in particolare ai miei coetanei che, purtroppo, come ho scoperto a mie spese, anche nel momento in cui ci sembra di fare tutto regolarmente, rispettando le norme della strada e prestando la massima attenzione, possono succedere lo stesso cose del genere, e quindi che è importante prestare la massima attenzione”.

Questo l’accorato appello di un ragazzo imperiese di 17 anni, rimasto coinvolto, suo malgrado, in un incidente stradale avvenuto ieri pomeriggio su Capo Berta.

Fortunatamente il giovane non ha riportato gravi conseguenze, ma ha deciso di rivolgersi alla redazione di ImperiaPost per veicolare un importante messaggio a tutti gli utenti della strada, specialmente ai suoi coetanei, affinché si osservi sempre grande prudenza per la propria sicurezza e quella degli altri.

Un gesto di profonda maturità e senso civico che condividiamo a tutto tondo.

Imperia: ferito in un incidente stradale mentre viaggiava in moto su Capo Berta, l’appello di un 17enne

“Vorrei rendere nota la mia vicenda perché penso possa essere di esempio a giovani motociclisti come me. Ieri, alle 17 e 40 circa, mentre procedevo tranquillamente su Capo Berta sulla mia moto, entro i limiti di velocità, sono stato colpito frontalmente da un’auto che procedeva dal senso opposto, come confermato dai testimoni.

Per via del violento impatto sono sbalzato in avanti di almeno 3 metri. Sul posto sono intervenuti i militi della Croce Rossa, la Polizia Municipale e i Carabinieri.

Sono stato trasportato in codice giallo al pronto soccorso di Sanremo e mi hanno fatto le radiografie. La caduta mi ha causato una frattura al radio destro, abrasioni varie e, a causa di un forte trauma al ginocchio destro, difficoltà a camminare seppur non si sia rotto. La coppia occupante l’altro veicolo, fortunatamente rimasta illesa, si è fermata sul luogo dell’incidente e i Carabinieri hanno proceduto con gli accertamenti del caso. 

Dopo che in Ospedale mi hanno ingessato il braccio sono stato dimesso. Per il volo che ho fatto ho avuto davvero fortuna a cavarmela con così ‘poco’.

Ho deciso di raccontare tutto questo perché vorrei dire a tutti i motociclisti e in particolare ai miei coetanei che, purtroppo, come ho scoperto a mie spese, anche nel momento in cui ci sembra di fare tutto regolarmente, rispettando le norme della strada e prestando la massima attenzione, possono succedere lo stesso cose del genere, e quindi che è importante prestare la massima attenzione”.