Imperia: Provincia, Claudio Scajola e il “nulla osta” alle determine dei Dirigenti. Una circolare fa discutere/Il caso

Attualità Imperia

Tutte le determine dei dirigenti dovranno avere il “nulla osta positivo” della segreteria del neo presidente della Provincia Claudio Scajola. A stabilirlo una circolare interna firmata dal segretario generale Antonino Germanotta.

Imperia: Scajola e il “nulla osta” che fa discutere

La circolare, datata fine dicembre, poco dopo l’insediamento del neo presidente, ha di fatto cambiato l’iter di approvazione degli atti licenziati dai dirigenti. Non basterà il via libera amministrativo dell’ufficio segreteria, ma sarà necessario un ulteriore passaggio, ovvero il nulla osta del Presidente, prima del definitivo passaggio al settore finanziario.

Una circolare che tra i corridoi della Provincia sta facendo molto discutere. Di fatto per qualunque atto di affidamento (ad esempio appalti sotto i 40 mila euro, incarichi professionali, ma anche impegni di spesa per acquisto di materali, nomine di commissioni, richieste di mobilità) sarà obbligatorio il “nulla osta positivo” del Presidente, senza il quale, dunque, in base al significato giuridico di “nulla osta”, l’iter amministrativo si interromperà.

Al di là delle conseguenze sulla tempistica delle pratiche, che dovranno necessariamente fare un passaggio in più, non mancano dubbi sull’opportunità di un atto che di fatto depaupera in qualche modo della loro autonomia i dirigenti.  Un commissariamento? No, secondo il segretario Antonio Germanotta che, contattato da ImperiaPost,  ha dichiarato: “Non è un commissariamento, semplicemente il Presidente, appena insediatosi, intende avere un quadro completo delle spese dell’ente”. I dubbi, a dir la verità, restano.