3 Marzo 2024 15:33

Cerca
Close this search box.

3 Marzo 2024 15:33

Imperia: crisi RT, intervengono i Sindacati. “Sì salvare l’azienda, ma con l’obiettivo di rilanciarla e dotarla delle risorse mancanti”

In breve: La nota dei Sindacati.

I sindacati Cgil, Cisl, Uil, Faisa-Cisal e Ugl intervengono in merito alla seduta del Consiglio Provinciale di oggi, durante la quale si è affrontato il tema della crisi della Riviera Trasporti. 

Crisi Riviera Trasporti: Si all’affidamento in house. Intervengono i sindacati

“Le scriventi organizzazioni sindacaliCgil, Cisl, Uil, Faisa-Cisal e Ugl appreso dalla stampa che durante lo svolgimento del consiglio provinciale convocato in data odierna, sarebbe emersa da parte della presidenza la possibilità di affidare in house a Rt il servizio per un periodo che non superi i due anni contrariamente a quanto indicato nella delibera di giunta che ne prevede 5 più ulteriori 5.

Nella speranza che questa sia solo una impressione e che venga smentita nei fatti, siamo a ricordare che il lasso temporale inserito nel piano concordatario è di almeno cinque anni per il rientro dei debiti, per cui nessun altro tipo di affidamento può essere utile al salvataggio di Riviera trasporti attraverso questo strumento.

Per quanto riguarda le osservazioni della corte dei conti siamo a ricordare che le poste contestate fanno parte di grossolani errori mediati tra le parti e che si trascinano da tempo.

I bilanci di RT depurati da queste poste sarebbero abbondantemente in ordine anche grazie agli accordi intervenuti a sostegno dell’azienda con il personale nonostante il periodo non propizio. Per cui riteniamo che consolidato il debito con la fase concordataria aperta, non debba essere attuato nessun intervento restrittivo, ma sicuramente espansivo con una ricapitalizzazione a sostengo di una politica di rilancio.

Non vogliamo vedersi ripetere in RT quello già visto in altre società pubbliche di questa provincia. Salvare RT non solo per il pericolo di non avere il servizio il giorno dopo, ma salvarla per rilanciarla e dotarla delle risorse mancate che hanno prodotto tale situazione.

Sarebbe impensabile ne tantomeno comprensibile creare come ventilato una nuova compagnia per ovviare alla presa di responsabilità di risanare l’azienda che ha semplicemente risposto alle linee di comando impartite nel tempo da chi reggeva l’ente proprietario e dai suoi dirigenti”.

Condividi questo articolo: