Imperia: ciminiera ex Ferriere, parla il vice Sindaco Fossati. “Demolizione necessaria e inevitabile, per motivi di sicurezza. Come accertato da professionisti di altissimo profilo”

Imperia Politica

E’ notizia di ieri, 5 agosto, il via libera definitivo alla demolizione della ciminiera centrale delle ex Ferriere, nell’ambito del progetto di realizzazione di un grande centro commerciale, dopo la chiusura, con esito positivo, della Conferenza dei Servizi. Anche la Soprintendenza, infatti, ha dato il proprio assenso, seppur con alcune prescrizioni, alla demolizione.

A iter ormai concluso il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Giuseppe Fossati ha deciso di intervenire per fare chiarezza su una vicenda che ha creato e sta creando forti malumori in città tanto da generare una raccolta firme molto sentita e un esposto alla Procura della Repubblica.

Imperia: demolizione ciminiera ex Ferriere, l’intervento del vicesindaco Giuseppe Fossati

“Nei mesi scorsi, il tema inerente la demolizione della ciminiera centrale dell’area ex Ferriere ha visto molteplici interventi ed ha animato una articolata discussione in Città, talvolta, però, dai toni e contenuti del tutto avulsi dalla realtà dei fatti.

Per scelta, ho ritenuto opportuno non intervenire nel dibattito sino al termine della conferenza dei servizi convocata per esaminare il tema, anzitutto per rispetto ai soggetti chiamati ad esprimersi, in ragione delle rispettive competenze.

Oggi, però, chiusa la conferenza dei servizi, che ha autorizzato la demolizione della ciminiera, credo sia opportuno chiarire alcuni aspetti.

Alla luce della conferenza dei servizi, credo non possa più essere messo in dubbio da alcuno che vi sia una situazione di grave pericolo per la pubblica incolumità.

Tale situazione, del resto, è stata accertata a più riprese, da professionisti di altissimo profilo ed al di sopra di ogni sospetto: la ciminiera centrale è pericolante, non riparabile.

La ciminiera non è di un privato, come qualcuno ha detto e scritto, ma è di proprietà comunale e, quindi, mettere mano alla sua pericolosità compete ed è responsabilità solo del Comune di Imperia, a prescindere dalla attuazione o meno dell’intervento urbanistico previsto nell’area limitrofa.

Il Comune, come ho più volte ribadito, ha posto quale condizione per l’attuazione di tale intervento urbanistico la sicurezza dell’area e, per tale motivo, ha imposto che il privato che interverrà debba mettere a disposizione del Comune, oltre quanto dovuto per legge, anche le risorse necessarie a tal fine.

In altri termini, la demolizione, necessaria ed inevitabile, competenza del Comune di Imperia, avverrà senza alcun onere per la collettività.

Quanto all’aspetto storico, monumentale e paesaggistico, la demolizione è stata autorizzata e condivisa sia dalla Soprintendenza, sia dal Ministero della Cultura, Ufficio Tutela Beni Culturali, sulla scorta anche delle valutazioni della Commissione Regionale per il patrimonio Culturale della Liguria; in altri termini, dalle massime autorità in materia.

Questo il quadro ed i fatti.

La ciminiera centrale dovrà essere demolita, per motivi di sicurezza, non per scelta politica, ma per tutelare la pubblica incolumità e, come evidenziato dalla Soprintendenza, anche perché ‘fattore di rischio per le vicini ciminiere’ anch’esse vincolate. Non vi sono alternative. Tutti gli enti competenti hanno condiviso tale valutazione. Grazie ad una diligente gestione della pratica, improntata solo all’interesse pubblico, la demolizione non costerà un euro ai cittadini imperiesi.

Spero che, chiariti i fatti, cessino le polemiche, del resto decisamente fuori luogo quando si discute di temi eminentemente tecnici. Fatta salva, ovviamente, la diversa valutazione dell’Università di Facebook”.