Emozione a Imperia per il passaggio del treno storico: in stazione passeggeri in abiti vintage. “Grande passione per le epoche passate” / Foto e video

Attualità Cultura e manifestazioni Imperia

Un Treno Storico per festeggiare i 150 anni della Linea Ferroviaria Voltri-Ventimiglia. È l’iniziativa ideata dal Museo Nazionale dei Trasporti – Sede distaccata del Ponente Ligure di Taggia/Arma – in collaborazione con Regione Liguria e Fondazione FS.

Il convoglio, partito da Genova Brignole alle ore 9.45, è giunto alla stazione di Imperia verso le 12.55. Molta l’emozione a bordo e sulla banchina, dove non mancavano alcuni appassionati “armati” di macchine fotografiche per immortalare l’immagine suggestiva.

L’arrivo del Treno Storico in stazione a Imperia:

Tra i presenti anche una coppia vestita di tutto punto con abiti e accessori d’epoca.

Cristina e Mario

“Siamo di Imperia e Genova. Condividiamo la passione del vintage e degli abiti un po’ retrò, ci piace l’idea di recuperare la memoria delle epoche passate, mettersi in gioco e stare insieme alle persone. È bello essere parte di un evento come questo ed entrare dentro alla manifestazione storica. Ho partecipato ad altri eventi perchè facevo parte di un gruppo storico.

Per trovare gli abiti giusti andiamo nei negozi di antiquariato e di vestiti usati, in certe occasioni cuciamo anche qualcosa noi stessi, a volte abbiamo trovato anche qualcosa su internet”.

La Storia dei 150 anni della Linea Ferroviaria

Nel gennaio 1872 si inaugurava finalmente questa fantastica linea costiera che ha visto prima la trazione a Vapore, poi quella Trifase (1931), infine quella in Corrente Continua (1967) ed, attualmente, un raddoppio ed una rettifica di tracciato che mai più garantiranno lo spettacolo che ha offerto a cavallo degli ultimi 2 secoli. Una linea a ridosso del mare che ha contribuito in modo fondamentale allo sviluppo turistico ed economico della Liguria di Ponente, da sempre nota in tutto il mondo per il suo clima, le sue bellezze naturali, il suo mare, i suoi fiori e le sue località balneari, che hanno visto la presenza per secoli di personaggi illustri provenienti da ogni parte del mondo.

La costruzione della Voltri/Savona/Ventimiglia – che rientrava nel progetto del lontano 1860 di collegare Nizza e Massa Carrara – ha avuto difficili vicissitudini, sia per motivi legati alla difficile orografia del Ponente Ligure, sia per questioni puramente politiche ed economiche. E’ una ferrovia che – al contrario della maggior parte delle altre linee – è stata realizzata in tronconi spezzettati in varie zone: questo soprattutto per motivi costruttivi legati a crolli ed allagamenti di gallerie, erosioni marine e conseguenti necessari consolidamenti e costruzioni di imponenti contrafforti sulla costa. Il via alla realizzazione delle prime tratte iniziò nel 1869 ma fu solo nel 1871 che si riuscì a riunirle tutte in un’unica linea, che però ebbe vita breve: poco dopo il suo completamento nuovi crolli ne impedirono l’utilizzo. Finalmente l’inaugurazione con il transito del primo convoglio da Savona Letimbro alla città di confine, che avvenne il 25 gennaio del 1872.

Anche il raddoppio della Savona/Ventimiglia fu effettuato in zone non contigue e tutt’ora la ferrovia ligure in alcune tratte è ancora a binario unico. I raddoppi interessarono inizialmente quella tra il confine francese e Ventimiglia (1910), poi Ventimiglia/Bordighera (1925), Albenga/Loano (1936), Bordighera/Ospedaletti (1955), Finale Ligure/Varazze (1977), Ospedaletti/San Lorenzo al Mare (2001) e San Lorenzo al Mare/Andora (2016).