18 Maggio 2024 06:11

Cerca
Close this search box.

18 Maggio 2024 06:11

Fantasanremo: ecco chi è Nicolò “Papalina”, il titolare del bar dove è nato tutto. “Da 47 squadre a 4 milioni, siamo sempre un gruppo di amici. Essere qui è un sogno” / Video

In breve: Tutto è nato da un bar di Porto Sant’Elpidio e in pochi anni è diventato un fenomeno nazionale. Oggi, a Sanremo, abbiamo incontrato uno dei creatori, Nicolò “Papalina” Peroni, il titolare del locale dove tutto ha avuto inizio con un gruppo di amici.

All’indomani della prima serata della 74esima edizione del Festival di Sanremo, oltre alle discussioni sulle canzoni più apprezzate o meno, impazza il Fantasanremo, il gioco parallelo alla kermesse che negli ultimi anni ha conquistato milioni di italiani.

Tutto è nato da un bar di Porto Sant’Elpidio e in pochi anni è diventato un fenomeno nazionale. Oggi, a Sanremo, abbiamo incontrato uno dei creatori, Nicolò “Papalina” Peroni, il titolare del locale dove tutto ha avuto inizio con un gruppo di amici.

Fantasanremo: l’intervista a “Papalina”, il titolare del bar dove è nato tutto

Come è nato “Fantasanremo”?

“La storia nasce in un bar di provincia di Porto Sant’Elpidio, un paesino nelle Marche. Siamo partiti da 47 squadre per scherzo nel 2020, poi nel 2021, causa covid, ci siamo messi online per giocare noi.

Dopodichè c’è un boom e siamo passati da 50 squadre a 50.000, l’anno dopo 500 mila e quest’anno 4 milioni”.

Com’è cambiata la tua vita?

“Ho sempre la mia attività, sto lì tranquillo. Adesso metaforicamente abbiamo spostato il bar Papalina su a Sanremo, qui al Forte Santa Tecla, dove ci divertiamo facciamo le dirette con i cantanti per fare qualche bonus in più. L’umiltà alla base di tutto. Abbiamo realizzato un sogno perché stare qui è un sogno”.

E qual è stato il momento più emozionante da quando è nato FantaSanremo?

“Il momento più emozionante è quando stato pronunciato per la prima volta FantaSanremo dallo Stato Sociale. È stato proprio l’anno zero. Non se l’aspettava nessuno, un’emozione assurda”.

Nel corso del tempo avete cambiato un po’ di cose quali sono le novità di quest’anno?

“Il bonus e il malus sono sempre più o meno gli stessi, anche perché abbiamo dei bonus storici che noi vogliamo far rimanere. Quest’anno ci sono i bonus ad personam tipo Gazzelle inseguito dalla gazzella, artista che scopa sul palco in onore di Gianni Morandi”.

Cosa vorresti dire a tutti i milioni di Italiani che fatto la squadra?

“Dico di divertirsi, di seguirci, di giocare e di stare sempre attenti perché ogni sera è diversa. Quest’anno sarà un Sanremo Fantastico”.

 

Condividi questo articolo: