IMPERIA. TORRENTE CARAMAGNA INVASO DA ERBACCE E RIFIUTI. PODESTA’: “ENTRO POCHI GIORNI PULIREMO TUTTO”/IL REPORTAGE FOTOGRAFICO

Home Imperia

torrente.jpg

Imperia. 17 gennaio 2014. Era questo il giorno in cui i cittadini di Imperia hanno passato una notte di ansia, per la paura delle acque del torrente Caramagna, in piena dopo l’alluvione. Dopo quasi un anno, con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno, Imperiapost è andata sul posto per vedere in che stato versa il letto del torrente e se, a oggi, possa essere in grado di contenere una grande ondata di pioggia.

Camminando accanto al torrente si nota subito la situazione molto critica dopo l’estate: arbusti e erbacce occupano tre quarti del letto del Caramagna, prendendo il posto dell’acqua. Ma non solo, alcune di queste piante invadono la strada, spuntando dal terreno e dai muretti che affiancano gli argini.

“I lavori per sistemare l’alveo dei torrenti, non solo il Caramagna, cominceranno entro pochi giorni e saranno svolti da più ditte per ogni sezione e velocizzare i lavori che, così facendo, saranno svolti in contemporanea in più parti della città” dichiara l’Assessore all’ambiente Nicola Podestà

In questa situazione si nota il dilagare della natura, lasciata a se stessa e ignorata, ma fra tutto quel verde l’elemento che disturba sono i vari rifiuti: bottiglie di vetro o plastica, tubi arrugginiti e molto altro.

Questi oggetti buttati senza considerazione possono, oltre che levare altro spazio al torrente, essere pericolosi per gli animali che vivono in quest’area, come ad esempio le anatre, che mangiando la plastica rischiano di morire. “ Anche la spazzatura sarà spostata assieme a tutto il resto durante la pulizia per poi essere smaltita dalla Tradeco successivamente” conclude l’assessore Podestà.

Asia Traversi, Giada Giaccheri