18 Maggio 2024 18:08

Cerca
Close this search box.

18 Maggio 2024 18:08

IMPERIA. CONFCOMMERCIO LANCIA L’ALLARME. ENTRO LA FINE DELL’ANNO 1.615 IMPRESE CESSERANNO LA LORO ATTIVITÀ/TUTTI I DATI

In breve: Un’analisi allarmante messa in luce da Format Research. Chiuderanno 1.223 imprese del terziario (contro le 1.725 dell’anno scorso) e 392 del comparto manifatturiero e delle costruzioni (contro le 593 del 2013)

image

Entro la fine dell’anno quasi 1.615 imprese cesseranno la loro attività in provincia di Imperia. Un’analisi allarmante messa in luce da Format Research che ha effettuato uno studio sull’andamento economico commissionato da Confcommercio Imperia e presentato stamane nella Sala degli Specchi in Comune a Sanremo. Chiuderanno 1.223 imprese del terziario (contro le 1.725 dell’anno scorso) e 392 del comparto manifatturiero e delle costruzioni (contro le 593 del 2013).

Secondo una previsione di massima, da qui alla fine dell’anno, le iscrizioni saranno 1.037 contro le 993 del 2013 nel terziario e 343 contro le 344 dell’anno precedente nel settore manifatturiero e delle costruzioni.

Come si nota è sempre più alto il numero delle imprese che chiudono per sempre i battenti e questa situazione è decisamente grave e pesante. Contro il perdurare stato di crisi che ha investito la provincia di Imperia mettiamo in campo tutte le nostre risorse e volontà – sottolinea Enrico Lupi, presidente provinciale di Confcommercio – Iniziamo con i Centri Commerciali Naturali per garantire la sopravvivenza del nostro comparto, ma speriamo che anche altri settori come il turismo e l’artigianato possano investire. Ma è necessario che a questi sforzi si aggiungano anche quelli delle amministrazioni comunali che devono fare la loro parte con investimenti adeguati a cominciare dall’arredo urbano e da una migliore vivibilità. Solo con un’azione sinergica e comune possiamo davvero sperare di invertire la rotta”.

Attualmente gli occupati della provincia di Imperia si distribuiscono in 33.207 nelle 17.525 micro-imprese, 7.840 nelle 470 piccole imprese, 1.694 nelle 19 medie imprese e 1.779 nelle 5 grandi imprese. Gli occupati in Italia sono 16 milioni, circa 430 mila lavorano presso le imprese della Liguria e di queste bene 45 mila presso le imprese extra agricole della provincia di Imperia.

Nell’Imperiese gli occupati nel settore del commercio sono 12.425, preceduti dai 14.335 dei servizi e seguiti dalle costruzioni che si attestano a quota 6.717. In provincia attualmente operano 4.765 imprese commerciali, 1.944 sono quelle turistiche, 6.956 nei servizi. Il totale, compreso quelle delle costruzioni e del settore manifatturiero, è di 18.019 imprese attive.

L’analisi del peso economico in provincia di Imperia parla chiaro: Il 75,8% è rappresentato dal terziario, il 24,2% dall’industria. Il valore aggiunto in termini percentuali si attesta quindi sull’85,5% nel terziario e del 15% nell’ industria. Ma a preoccupare è il tasso di disoccupazione. Secondo la ricerca commissionata da Confcommercio Imperia è addirittura il doppio rispetto al 2005. In Italia è pari al 12,3% ed è in egual percentuale nell’Imperiese: 12,2%.

A cosa è dovuto tutto ciò? Secondo Pierluigi Ascani, presidente di Format Research “ad una pressione fiscale che tiene col freno a mano tirato la ripresa economica. La quasi totalità delle imprese del commercio, del turismo, dei servizi della provincia di Imperia considera aumentata la pressione fiscale rispetto a due anni fa. Secondo il 56,7% è aumentata, un 35,7% dice che è molto aumentata e solo 1,4 % sostiene che è diminuita”.

Questa situazione è percepita moltissimo in tutta la provincia e soprattutto a Sanremo dove i commercianti temono che l’apertura di un outlet in Valle Armea possa provocare altre perdite di imprese sul territorio comunale.
E’ vero le tasse pesano in maniera determinante sull’economia delle nostre aziende – sottolinea Gianni Ostanel, presidente di Confcommercio Sanremo – In queste condizioni non siamo in certo in grado di assumere personale. Ma la nostra più grande preoccupazione è determinata dall’aumento del commercio abusivo e della contraffazione e ora anche della grande distribuzione. Il Comune di Sanremo deve considerare questo nostro grido d’allarme e invertire il senso di marcia: per far sopravvivere l’economia e il commercio locale non deve autorizzare l’apertura di un outlet in città”.

image

image

image

Condividi questo articolo: