CASO SCAJOLA – MATACENA DA DUBAI:”SCAJOLA VOLEVA FARMI ARRESTARE PER AVERE STRADA IN DISCESA PER CORTEGGIARE MIA MOGLIE” /VIDEO

Home Politica
scajola rizzo matacena
fonte: www.oggi.it

Dubai (Emirati Arabi) – Amedeo Matacena, condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa,durante un’intervista rilasciata al settimanale “Oggi” ha sostenuto che l’ex Ministro imperiese Claudio Scajola a processo assieme alla moglie di Matacena, Chiara Rizzo, e altre 6 persone per inosservanza della pena, avrebbe architettato il suo trasferimento in Libano per farlo arrestare ed avere “una strada in discesa per corteggiare sua moglie”.

“Ho un malpensiero che rifiuto costantemente – ha detto Matacena – e cioè che Scajola questa cosa di tentare di farmi andare in Libano l’abbia fatta proprio perché voleva fregarmi. Il grande Giulio Andreotti diceva che a malpensare si fa torto ma spesso si indovina e quindi io devo ritenere che essendoci in Libano l’accordo bilaterale di estradizione con l’Italia si voleva farmi arrivare lì perché poi alla fine io fossi estradato ed arrestato. Questo avrebbe permesso a Scajola di avere una strada in discesa per poter corteggiare mia moglie”.

Sul presunto fax inviato dall’ex primo Ministro Libanese Amin Gemayel che gli assicurava la sua protezione una volta a Beirut, Matacena è scettico anche a seguito della smentita del politico libanese e del faccendiere Speziali che avrebbe fatto da tramite: “Gemayel ha smentito di essere stato interessato al mio caso e di aver fatto questo fax», spiega Matacena. «A questo punto devo pensare che quel fax è stato creato ad hoc da qualcuno, chiaramente un falso per fare in modo che mia moglie mi convincesse ad accettare la proposta di Scajola di farmi andare in Libano?”

QUI SOTTO LA VIDEO INTERVISTA AD AMEDEO MATACENA:

http://www.oggi.it/video/attualita/2014/11/03/parla-amedeo-matacena-la-videointervista-esclusiva-parte-1