VENTIMIGLIA. CERCA DI PASSARE IL CONFINE CON 6 CHILI DI HASHISH E 50 GRAMMI DI MARIJUANA, FERMATO DALLA GUARDIA DI FINANZA

Cronaca Home

guardia di finanza

Nell’ambito del costante presidio del territorio posto in essere dalla Guardia di Finanza lungo la linea di confine italo-francese, è stato scoperto ed arrestato un corriere che stava tentando di attraversare il territorio nazionale con un carico di hashish. Determinante è stato il fiuto del cane anti droga Zaffo in servizio con le fiamme gialle di Ventimiglia.


L’attività in parola è stata portata a termine durante le prime ore del 9 novembre, allorquando dei militari della Compagnia di Ventimiglia erano in servizio presso l’omonima barriera autostradale per controllare a scandaglio gli automezzi che stavano facendo ingresso in Italia. Tra questi, i finanzieri decidevano di sottoporre a controllo i numerosi passeggeri di un autobus di linea proveniente dalla Spagna e diretto in Italia.

I militari, dopo aver analizzato la lista dei passeggeri fornita dagli autisti del mezzo, con l’ausilio della citata unità cinofila hanno proceduto al controllo dei viaggiatori e del vano bagagli dell’autobus nel quale erano adagiate molte valigie e pacchi di varie dimensioni. A questo punto il cane anti droga Zaffo dopo pochi istanti ha segnalato al proprio conduttore una valigia di medie dimensioni che è stata, quindi, estratta per essere immediatamente ispezionata.

Prima di procedere al controllo, tuttavia, i finanzieri ne hanno individuato il proprietario, ovvero un cittadino spagnolo, al quale è stato preventivamente chiesto se all’interno della medesima vi fosse della sostanza stupefacente, circostanza negata dall’interessato. I militari, quindi, hanno iniziato l’ispezione del bagaglio, scoprendo così che al suo interno erano occultati 6 involucri di cellophane contenenti numerosi ovuli di hashish e della marijuana.

Per queste ragioni la sostanza stupefacente, poi quantificata per un peso totale di 6,5 chilogrammi di hashish e 50 grammi di marijuana circa, è stata sequestrata ed il responsabile tratto in arresto. Della vicenda è stata subito informata l’Autorità Giudiziaria che ha disposto la traduzione dell’arrestato presso il carcere di Imperia.