IMPERIA. IL PAGELLONE DI FINE ANNO SUI CONSIGLIERI COMUNALI, ASSESSORI E… / SECONDA PARTE

Home Politica

pagellone 2

Il capodanno è passato ed è il momento di pubblicare la seconda parte del Pagellone dei consiglieri comunali, assessori e altri personaggi che gravitano attorno al palazzo civico.

Il voto è complessivo, strettamente personale e non è appellabile né dinnanzi al T.A.R. né dinnanzi alla Corte di Cassazione. Per eventuali querele siamo domiciliati presso l’avvocato Davide Carpano del foro di Imperia anche se speriamo tale iniziativa sia vissuta da tutti come un simpatica e goliardica pagella di fine anno. Dopo la prima parte che ha suscitano le proteste più o meno decise di alcuni ecco la seconda parte….

Roberto Saluzzo (Imperia Cambia) voto 5: Come nel 2013 non ha brillato particolarmente e i suoi interventi sono stati spesso in difensiva. Fallimentare il suo tentativo di riqualificare il sottopassaggio di piazza Rossini che sbuca dai giardini Toscanini. Disponibile a fare sopralluoghi ma poi sembra non essere costante nell’impegno. Pregi: volenteroso Difetti: scostante Frase celebre: “Questa casa l’ho progettata io”.

Susanna Palma (Imperia Cambia) voto 5.5: Scatenata sull’istituzione del disco orario al Parasio, nel 2014 è diventata mamma. Componente dell’ala moderata del gruppo “Imperia Cambia” guarda il suo orticello/parcheggio con piacere. Pregi: combattiva Difetti: diffidente Frase celebre: “L’ordinanza va revocata”

Alessandro Savioli (Imperia Cambia) voto 7: Chirichetto, ma anche operaio ruspista. Il buon Savioli è la rivelazione dell’anno. Padre di famiglia, marito, capogruppo, geometra e anche ruspista in caso di alluvione. Pregi: uomo di cuore Difetti: ogni tanto gli scappa una parolaccia Frase celebre: “Mi hanno chiamato e sono venuto a dare una mano”

Diego (Emilio) Parodi (NCD) voto 5.5: Sfiora la sufficienza quest’anno anche per il suo ruolo di presidente del consiglio che piano piano sta imparando a svolgere. Narciso e presenzialista appena gli è concesso. Pregi: fedelissimo Difetti: montato Frase celebre… “Gli è concessa la parola”

Paolo Montesano (NCD) voto 5.5: Parla davvero poco, ma quando lo fa picchia duro senza paura. I suoi scontri con la consigliera Poillucci rimarranno negli annali dei consigli comunali. Quarant’anni e non sentirli anche perché di sicuro non è stato logorato dal lavoro. Pregi: buongustaio Difetti: annoiato Frase celebre: “Non lo so, devo chiedere a Eugenio”

Simone Vassallo (NCD) voto 7.5: Il soccorritore della Croce Bianca, volontario nei Vigili del Fuoco e consigliere comunale si sta guadagnando sul campo il rispetto di questo ufficio. I suoi interventi hanno sempre un qualcosa di originale e anche se la posizione può essere discutibile lui tira dritto senza timori. Pregi: altruista Difetti: vanitoso Frase celebre: “sta solo bruciando un palazzo, tranquilli!”

Valeria Canetti (PD) voto 5.5: In questi 18 mesi di amministrazione Capacci non si è distinta in modo particolare e neppure in modo marginale. Simpatica e piddina di ferro ha rifiutato l’assessorato che poi è andato alla Chiarini Pregi: alla mano Difetti: disinteressata Frese celebre: “No, grazie”

Camilla Balestra (PD) voto 4.5: La sua presenza in consiglio è praticamente irrilevante. Nessuna proposta concreta e spesso distratta dal cellulare. Il 2014 per lei è passato senza lasciare il segno. Pregi: carina Difetti: svogliata. Frase celebre…….

Cicciò (Lorenzo Lagorio PD) voto 8: Perde mezzo punto rispetto all’anno scorso a causa della diminuzione dei suoi interventi in consiglio comunale. Il maestro di vita, profondo conoscitore del consiglio comunale. Non ha paura nulla neppure di “Donna Piera”. Le sue massime dovrebbero essere studiate a scuola e i suoi colleghi di partito dovrebbero seguire il suo esempio. Pregi: unico Difetti: non ne ha. Frase CULT per il secondo anno di seguito: “OH BIONDA!”

Oliviero Olivieri (PD) voto 3: Non rivolge parola a quest’ufficio da alcuni mesi a causa dell’indiscrezione di ImperiaPost sulla sua imminente nomina a capogruppo del Partito Democratico. Inoltre, non ricordiamo proposte/mozioni a sua firma. Pregi: siamo alla ricerca Difetti: permaloso Frase celebre: “Viva gli scout!”

Gianfranca Mezzera (PD) voto 7.5: Il capogruppo del PD, dopo le improvvise dimissioni di Montanari, ha tenuto botta malgrado le divisioni tra correnti e spifferi. Esperta di bilancio ha saputo essere anche critica all’interno delle stanze del potere. Nella sua nuova veste di capogruppo ha dovuto affrontare anche altri temi oltre al bilancio e lo ha fatto egregiamente. Pregi: seria Difetti: allineata all’apparenza Frase Celebre: “Mi spiace che non ci siano soldi per le luminarie”

Fiorenzo Marino (PD) voto 6.5: Mister boccolo d’oro ha passato un 2014 in conflitto con alcuni dei suoi colleghi del Partito Democratico ma ha tenuto botta distinguendosi più volte tra i componenti del gruppo consiliare. Degno di nota il suo impegno nella Commissione P.E.B.A. Pregi: professionale Difetti: vanitoso. Frase celebre: nulla da segnalare

Riccardo Ghigliazza detto Gus (Imperia di tutti) voto 6: Una sufficienza per l’impegno profuso nell’azione amministrativa. Sempre meno dipendente dalle veline di Natta e Ramoino riesce a sintetizzare i suoi interventi. Pregi: soldato Difetti: soldato. Frase celebre: “il gruppo Imperia di tutti, Imperia per tutti è favorevole alla pratica”.

Antonio Russo (M5S) voto 6: La sua azione di opposizione in consiglio comunale si è via via affievolita anche se è sempre molto presente nel Movimento. Fallito malamente il tentativo di “cacciare” l’oltranzista Cara Glorio dal gruppo consiliare, ma in compenso ha rimediato la nomina di coordinatore di una commissione “fuffa” pensata ad hoc per neutralizzare la sua vena polemica. Il suo animo grillino però rimane mettendosi a disposizione, gratuitamente, della collettività. Pregi: disponibile Difetti: ambizioso Frase celebre: “Presidente ai sensi del regolamento…”

Cara Glorio (M5S) voto 9: Confermato il voto dell’anno scorso per la Jessica Rabbit del consiglio comunale che ha resistito, malgrado la giovane età, ad attacchi e pressioni provenienti da più parti. Grintosa e senza paura entra nell’area di via Matteotti 157 guardando in faccia la casta. Pregi: coraggiosa Difetti: emotiva Frase celebre: “Io sono e rimango nel Movimento 5 Stelle”

Piera Poillucci (FI) voto 7: All’opposizione sta affinando le sue doti di politico d’assalto. Eroina degli amanti degli animali, dei lavoratori dell’Ottagono e del comitato per il ripristino del doppio senso di via Santa Lucia. Infortunata qualche mese fa, sta facendo fisioterapia per tornare alla battaglia a gennaio. Pregi: combattiva Difetti: ostinata Frase celebre: “Strescino è inadeguato”

Ida Acquarone (FI) voto 7.5: Il consiglio comunale potrebbe fare a meno di lei, ma di certo non delle sue perle di saggezza e dei suoi sfoghi. Prosegue la sua relazione platonica con Cicciò (Lagorio del PD) e qualche mese fa ha tentato di mordere l’orecchio del giovane irrispettoso Servalli. Pregi: diretta Difetti: demichilisiana Frasi celebri: “Sei nato ieri e ancora parli! (riferito a Servalli) – “E allora distribuiamo cocaina a tutti”.

Luca Falciola(FI) voto 7: Il neo avvocato del foro di Imperia interviene spesso con cognizione di causa portando in consiglio anche problematiche di minore entità ma di fondamentale rilevanza sociale. Ora sulla neve a godersi un po’ di riposo dopo l’anno di schiavitù subita nello studio Annoni/ Delbecchi. Pregi: professionista Difetti: serioso Frase celebre: “Le frasi di Dulbecco sono inopportune e inutili”.

Erminio Annoni (FI) voto 7.5: Forte dell’assoluzione per i suoi assistiti nel processo sul porto turistico, ora avrà una maggiore agibilità politica. Quando prende parola il consiglio comunale si ferma in un religioso silenzio. Pregi: Maestro Difetti: puntiglioso Frase celebre: “Sono sempre stato convinto dell’innocenza del mio assistito”.

Gianfranco Gaggero (FI) voto 5: La sua è una presenza d’ufficio e i suoi interventi sono sempre più limitati… Dopo essere uscito dalla vicenda che lo vedeva indagato per finanziamento illecito nell’ambito dell’inchiesta sui lavori di ristrutturazione di villa Ninina di proprietà dell’ex Ministro Claudio Scajola lo vediamo più sollevato. Pregi: riservato. Difetti nostalgico Frase celebre: Strescino ha rinnegato il sangue del suo sangue”.

Nel pomeriggio i consiglieri mancanti e la giunta comunale…