15 Luglio 2024 16:32

Cerca
Close this search box.

15 Luglio 2024 16:32

IMPERIA. STIPENDI IN RITARDO. TRADECO: “COLPA DEL COMUNE CHE NON HA VERSATO IL CANONE”. SCATTA LA PROTESTA DEI LAVORATORI /I DETTAGLI

In breve: La Tradeco attraverso il proprio legale ha attribuito la responsabilità del mancato pagamento degli stipendi al Comune. Stufi della situazione i lavoratori hanno deciso di convocare un sit in di protesta per mercoledì 21 gennaio, alle ore 10, davanti al Comune

tradeco capacci

Imperia. “Non abbiamo potuto pagare i dipendenti perché il Comune non ha rispettato gli impegni e non ha versato il canone dovuto”. Questo, in sintesi, il contenuto di una lettera inviata da Antonio Delucia, legale della Tradeco, la società incaricata del servizio di raccolta rifiuti nel comprensorio imperiese per giustificare i mancati pagamenti ai dipendenti entro il 19 gennaio, termine concordato al tavolo con il neo Prefetto Silvana Tizzano.

Si tratta dell’ennesimo ritardo nel pagamento degli stipendi e proprio per questo motivo domani, mercoledì 21 gennaio, i lavoratori della Tradeco manifesteranno di fronte al Comune di Imperia a partire dalle ore 10.

“Scriviamo a nome, per conto e nell’interesse di TRA.DE.CO s.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, per evidenziare quanto segue. In data 08/01/2015 si è tenuto un incontro presso la sede della prefettura di Imperia, alla presenza dell’Ecc.mo sig’ Prefetto di Imperia, tra il Comune di Imperia la Società Tra.de.co. Srl e le Rappresentanze sindacali dei lavoratori, in merito a problematiche inerenti il pagamento delle tredicesime mensilità retributive. 

Nella stessa occasione, preso atto dell’avvenuto pagamento delle suddette tredicesime mensilità, le RR.SS. hanno richiesto garanzia per il pagamento della retribuzione di dicembre 2014, entro il 15 dicembre 2014. In quella sede, lo stesso Comune di Imperia rappresentava la circostanza che a fronte dei necessari tempi tecnici, il pagamento di una sola quota parte del canone non sarebbe riuscito a versarla prima del 13 gennaio successivo. Di tal che si convenne tra tutte le parti, chiudendo positivamente la procedura di raffreddamento, che a fronte del pagamento del canone contrattuale entro il termine indicato da parte del Comune di Imperia, Tra.De.Co. srl avrebbe a sua volta corrisposto ai dipendenti la retribuzione relativa al mese di dicembre 2014 entro il giorno 19.01.2015.

Ad oggi, invece, non risulta ancora avvenuto l’accreditamento -sul CC bancario di Tra.de.co. srl, del quale ha tempestivamente comunicato I’IBAN e le altre coordinate- della predetta quota parte del canone, benchè siano già stati consumati i 2/3 del mese, con la più spiacevole conseguenza di non essere riusciti a mantenere gli impegni con le RR.SS- dei lavoratori, tanto più non osservabili, in quanto conseguenza dell’affidamento che l’accordo aveva comprensibilmente ingenerato in Tra.De.Co. srl, così sviandone l’organizzazione degli impegni finanziari.

Sicchè, essendo oltremodo incomprensibile l’omissione, perché si riserverebbe in primis a discapito del rapporto lavorativo, ma poi anche in grave pregiudizio per lo svolgimento del servizio e, in fin dei conti, a danno dello stesso Comune di Imperia, nell’intimare al Comune di Imperia il pagamento del canone a favore di Tra.dc.co. Srl, ormai nell’intero importo maturato, si chiede a Sua Ecc.za il Prefetto di Imperia di promuovere e favorire l’osservanza degli impegni presi, onde poter finalmente ed immediatamente far conseguire ai dipendenti quanto loro spettante.
Certi che la presente sollecitazione troverà positivo riscontro, si coglie l’occasione per salutare cordialmente ed esprimere i più deferenti ossequi.”

Contattato da ImperiaPost, il sindaco di Imperia Carlo Capacci ha dichiarato: Venerdì 9 gennaio il dirigente Croce ha firmato la determina dirigenziale di quanto dovuto alla Tradeco rispettando pienamente l’impegno assunto in data 8 gennaio alla presenza di sua Eccellenza il Prefetto. Gli uffici finanziari del Comune, con mandato numero 45 del 12 gennaio 2015, hanno provveduto a trasmettere alla banca le istruzioni per il pagamento di quando dovuto. Colgo l’occasione per complimentarmi con i dirigenti del Comune di Imperia perché più velocemente di così non avrebbero potuto agire”.

Condividi questo articolo: