Home, Imperia — 29 giugno 2015 alle 15:17

IMPERIA. IL SINDACO CAPACCI CEDE AI “RICATTI” DELLA POLITICA. NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE POLTRONE PER TROMBATI E SCONTENTI / ECCO I NOMI

Una vera e propria distribuzione dei pani e dei pesci che ha escluso solo i socialisti che però potrebbero vedersi confermare, magari con altre deleghe, l’assessore Nicola Podestà al prossimo e imminente rimpasto.

di Gabriele Piccardo

capacci società

A.A.A. Offresi poltrona per scontenti e trombati. Il sindaco Carlo Capacci ha reso note le nomine nelle società partecipate del Comune: AST, AMAT e Imperia Servizi. Una vera è propria distribuzione di posti ai vari partiti e movimenti che sostengono la coalizione di governo. Il caso più eclatante, lo diciamo subito, è l’O.P.A. del Partito Democratico verso l’Amat S.p.A. con la nomina alla carica di consigliere del segretario provinciale Pietro Mannoni (ormai dovrebbe conoscere ogni tubo della rete idrica cittadina visto che è il terzo mandato per lui) e del segretario cittadino, sempre del PD, Andreina Puccioni, cofferatiana e anima critica all’interno del partito.

Per rimanere in tema Amat, troviamo un cambio di casella al vertice. Paolo Trucco è passato all’Ast mentre al suo posto è stata nominata Barbara Pirero, vicina al Nuovo Centro destra di Strescino (revisore dei conti della Rari Nantes), anche se candidata alle ultime elezioni comunali con “Imperia Riparte” in appoggio al candidato sindaco Erminio Annoni. Poi troviamo Stefano Masserini, farmacista, candidato con “Imperia Cambia” (110 voti) non eletto. Infine la minoranza ha optato per Riccardo Scussat, in quota Forza Italia. Gli altri membri sono di competenza e nomina di IREN Acqua Gas.

Per quanto riguarda l’Imperia Servizi S.p.A., società che gestisce i parcheggi a pagamento, al vertice troviamo una new-entry ma conosciuta in città: Luigi Massabò , della compagnia di via Carducci. Confermato Giancarlo Patti nella carica di consigliere e amministratore delegato. Poi troviamo l’ex candidata di “Laboratorio per Imperia” Silvana Zingarelli (61 preferenze) e Lina Laino, anima critica di “Imperia Cambia” protagonista della pulizia fai da te dei giorni scorsi al Parasio, era candidata con “Imperia Cambia” (37 voti per lei). Per la minoranza è stato scelto Eros Giromini (farmacista) vicino al capogruppo di “Imperia Riparte” Giuseppe Fossati.

Infine nell’AST, dopo le dimissioni del consigliere Ramadan Tahiri e del presidente Franco Borzone sono stati nominati: il commercialista Paolo Trucco (ex presidente dell’Amat e), nominato dal sindaco Capacci, In quota PD troviamo Simonetta Lipiello (consigliere), anche lei candidati nelle fila dei democratici alla scorse elezioni. Infine, per quanto riguarda la nomina di minoranza è stato scelto, il commercialista Marco Bruna, suggerito dal Movimento 5 Stelle. 

Il socio Comune di Imperia ha richiesto la riduzione del 10% del costo del CdA dell’ Imperia Servizi SpA e del CdA dell’ AMAT SpA. Il Consiglio di Amministrazione di AST SpA aveva già subito la riduzione del costo alcuni mesi fa.