Home, Rubriche — 29 gennaio 2014 alle 21:00

SEX AND IMPERIA – Donne alla ricerca dell’amore: “Ma come diavolo ragionate?”

Uomini o donne che voi siate sicuramente avrete sentito parlare della serie tv Sex & The City con la glamour giornalista Carrie Bradshaw che, con un pizzico di ironia, analizzava le difficoltà dei rapporti di coppia, del sesso e del corteggiamento. Ci siamo chiesti quindi: “E se Carrie venisse improvvisamente sbalzata ad Imperia e analizzasse la vita amorosa degli imperiesi? […]

di Redazione

sex and imperia definitivoUomini o donne che voi siate sicuramente avrete sentito parlare della serie tv Sex & The City con la glamour giornalista Carrie Bradshaw che, con un pizzico di ironia, analizzava le difficoltà dei rapporti di coppia, del sesso e del corteggiamento. Ci siamo chiesti quindi: “E se Carrie venisse improvvisamente sbalzata ad Imperia e analizzasse la vita amorosa degli imperiesi? Le loro modalità di approccio e ci desse qualche consiglio su come comportarsi in amore?“. Detto fatto! Ecco quindi la rubrica settimanale della nostra Emy che ci accompagnerà alla scoperta di “Sex & Imperia”.

Qualche giorno fa, un amico, mi ha inviato via e.mail un brano tratto da un libro di Oriana Fallaci che parlava dei trentenni e una frase mi ha colpito in particolar modo: “Non temiamo la punizione perchè abbiamo concluso che non c’è nulla di male ad amarci se ci incontriamo, ad abbandonarci se ci perdiamo“. Le parole si sono impresse nella mia mente come un marchio a fuoco e da lì ho iniziato a riflettere sul modo in cui affrontiamo le storie d’amore. Soprattutto noi donne. Mi dispiace per i miei lettori uomini, ma questa volta la chiacchierata sarà fra noi femminucce.

Già, perchè per quanto ci sforziamo il mondo maschile e il modo di pensare degli uomini è estremamente diverso da quello delle donne e, per quanto io ci provi, resta il più delle volte incomprensibile. Non voglio credere ai bulli che sprizzano testosterone che dicono: “Bambina,  noi non siamo complicati quanto voi. Se ti dico no, è no; non c’è nulla dietro“. L’uomo è complicato e si fa dei film mentali esattamente quanto le donne, solo che sono modi di pensare diversi e non ho ancora avuto l’illuminazione divina per capirli fino in fondo.

Tornando al modo in cui viviamo le storie d’amore noi donne oggi, beh…dipende tutto da quello che cerchiamo di ottenere, ma mi sono praticamente convinta che anche la più agguerrita menefreghista che sembra dire con ogni molecola: Sono una donna realizzata e forte, sto bene single” in realtà stia cercando l’amore.

Alcune di noi lo cercano praticamente dovunque, persino nelle situazioni più assurde, persino quando le amiche dicono: “Tesoro, fermati un attimo. L’amore arriva! Stai sola con te stessa“. Le donne che amano l’amore, mi dispiace, ma non si fermano. Sono quelle che soffrono di più forse perchè cercano di costruire il loro magico castello anche su una collina di sabbia con un uomo che scappa dai fidanzamenti come da un’epidemia di febbre gialla e ha esordito al primo appuntamento con la frase: “Non voglio una relazione seria”. Chi ama l’amore fa finta di non aver sentito e prosegue a preparare il corredo.

Ci sono poi donne che invece hanno così paura di soffrire che stanno immobili. Aspettano che l’uomo agisca, che venga verso di loro con un mazzo di fiori e giuri amore eterno. A quel punto possono un po’ sciogliersi e farsi vedere per come sono. Credo però che mettersi in gioco ogni tanto sia necessario per non avere rimorsi o rimpianti quando anche l’ennesimo uomo sbagliato si allontana da voi. Anche perchè, parliamoci chiaro, per le donne dal “cuore di ghiaccio” un uomo vestito di azzurro su un cavallo bianco può essere in realtà un agente di Equitalia in borghese pronto a pignorare la casa e, in questo caso, i sentimenti e le emozioni.

In ultimo ci sono quelle donne che, a detta loro, sono le più equilibrate. O forse le più codarde, con tutto il rispetto del caso. Si scelgono un uomo quando sono giovani, ci passano il resto della vita e anche se l’amore piano piano va scemando loro restano lì, appese al loro baluardo di finta felicità e al massimo si concedono qualche scappatella con un ragazzino più giovane e grintoso per sentirsi ancora vive. Non so, magari loro sono felici così. Io però quando vedo questo genere di coppie o di donne mi sento un po’ male.

E qua mi torna in mente la frase della Fallaci che ho citato a inizio post. Ognuno di noi si merità la felicità e non c’è punizione per chi decide di tirarsi indietro quando non lo si è più. Esattamente come non c’è punizione per chi è in una continua rincorsa nei confronti dell’idea dell’amore, più che dell’amore stesso.

L’amore è una scommessa e il modo in cui decidiamo di buttarci in una storia non ci assicura nè una vittoria nè una sconfitta. Quindi smettiamo di calcolare come comportarci, quanti messaggi mandare, cosa dire e come dirlo. Il nostro lui se vuole viverci ci sceglierà, saprà farsi vedere in mezzo alla folla e ci porterà via!

*Emy*