Home, Politica — 13 gennaio 2018 alle 17:58

LIGURIA. BOLKESTEIN, IL GOVERNO IMPUGNA LE LEGGI REGIONALI. TOSI (M5S): “RICORSO TOTI ALLA CONSULTA ENNESIMA PRESA IN GIRO NEI CONFRONTI DEI BALNEARI”

“Il MoVimento 5 Stelle è l’unica forza politica che davvero vuole fare qualcosa per i
balneari liguri, con idee serie e praticabili, puntando su concessioni di 10, massimo 15 anni”

di Redazione

balneari 3

“Siamo ormai alla farsa finale sul tema della Bolkestein. Quando si è trattato di ricorrere alla Corte Costituzionale per impugnare il decreto Lorenzin sulla coercizione vaccinale, come chiedeva il MoVimento 5 Stelle, Toti ha fatto volutamente scadere i tempi tecnici necessari. Oggi, invece, che il Governo – una volta tanto – fa una cosa giusta, s’impunta per mero calcolo elettorale e sceglie di costituirsi presso la Consulta per difendere un provvedimento basato su presupposti palesemente anticostituzionali e nato solo per puro spirito demagogico, prendendo in giro i balneari, che meritano invece risposte chiare, proposte realizzabili e tempi certi“.

Lo scrive Fabio Tosi, portavoce del M5S Liguria in merito alle polemiche sull’impugnativa del Governo contro le due leggi della Regione Liguria approvate lo scorso novembre in consiglio regionale e relative alla qualificazione e tutela dell’impresa balneare e alla disciplina delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico ricreative.

“Per questo noi il 31 ottobre scorso – prosegue Tosi - abbiamo votato convintamente contro il Ddl 157 Scajola, e lo ribadiamo con convinzione. All’epoca eravamo stati persino presi in giro da Forza Italia e dall’assessore regionale. Oggi i fatti dimostrano che avevamo ragione. Il MoVimento 5 Stelle è l’unica forza politica che davvero vuole fare qualcosa per i balneari liguri, con idee serie e praticabili, puntando su concessioni di 10, massimo 15 anni: un tempo ragionevole per permettere agli imprenditori di pianificare il proprio business, nel rispetto dei vincoli e in regime di legittima concorrenza, di cui sarà l’intero settore a beneficiarne. Il resto purtroppo è solo propaganda e demagogia. I nodi alla fine vengono sempre al pettine”.