Elezioni comunali 2018, Home, Politica — 6 aprile 2018 alle 16:12

ELEZIONI 2018. IMPERIA. BUFERA IN FRATELLI D’ITALIA, IACOBUCCI: “CASANO CONTRO LANTERI CANDIDATO SINDACO? SPERO CI RIPENSI, SE NO…”/IL CASO

“Io penso che Lanteri sia una persona degna, che stimo, e non trovo alcuna controindicazione nella sua
candidatura. Mi dispiace molto per Casano, perché l’ho sempre presentato come una persona da valorizzare”

di Redazione

29792707_10214061894275333_6445033486360248320_o

“Quella di Casano è una decisione legittima, ma la scelta del candidato Sindaco non spetta a lui, ma alla coalizione. Spero ci possa essere un ripensamento da parte sua, in caso contrario non potremo fare altro che candidare qualcun altro”. Queste le prime parole di Massimiliano Iacobucci, segretario regionale di Fratelli d’Italia, dopo la decisione di Alessandro Casano, capogruppo di Fli in consiglio comunale a Imperia, di non appoggiare la candidatura a Sindaco del centrodestra di Luca Lanteri.

“Quando si mettono insieme tante teste, serve sempre una mediazione. Ieri siamo stati cinque ore insieme al presidente Giovanni Toti per cercare di limare tutte le divergenze - continua Iacobucci – A Imperia si è creato un casus belli per via della candidatura dell’ex Ministro Scajola che ha voluto correre da solo, con una coalizione civica.

Io penso che Lanteri sia una persona degna, che stimo, e non trovo alcuna controindicazione nella sua candidatura. Mi dispiace molto per Casano, perché l’ho sempre presentato, anche ieri, nella riunione con il presidente Toti, come una persona da valorizzare. Anzi, l’ho preteso con forza.

Con Casano ho condiviso una linea ben precisa. Mi è stato dato il mandato di andare a Genova per trattare un accordo sul candidato Sindaco, torno con l’intesa in mano e ora qualcuno cambia idea. Non è corretto nei miei confronti.

Non si può più aspettare. Claudio Scajola ha iniziativa a fare campagna elettorale sei mesi fa e noi siamo ancora fermi. Mi dispiace molto per quello che è successo in casa nostra. Sinceramente non capisco questa testardaggine. Ne prenderemo atto questa sera durante il direttivo regionale. Spero ci possa essere un ripensamento da parte di Casano, in caso contrario non potremo fare altro che candidare qualcun altro”.