Home, Sport — 10 aprile 2018 alle 18:56

JUDO, IL TSUKURI CLUB DI VENTIMIGLIA A CHIANCIANO PER LO STAGE CON HIROSHI KATANISHI

Il club ventimigliese a Chianciano ha potuto usufruire della conoscenza del Hiroshi Katanishi.

di Redazione

judo-ventimiglia-chianciano

Il 6, 7 e 8 aprile nella bellissima cittadina toscana di Chianciano si è svolto uno degli stage più importanti in Italia, organizzato dall’Eps CSEN che ha visto protagonisti sulla materassina nomi eccelsi del judo come Hiroshi Katanishi, uno dei massimi esponenti del judo al mondo. Presenti anche il grande Nicola Ripandelli, uno dei massimi conoscitori dei kata al mondo insieme a Stefano Proietti, vice campione del mondo, e il docente nazionale Riccardo Cardarelli, stimatissimo tecnico.

Il club ventimigliese capitanato dai tecnici Di Franco, Morsia insieme agli Atleti Rodini, Cavalera e Zarcone hanno potuto usufruire della conoscenza del Hiroshi Katanishi per arricchire il proprio bagaglio teorico e tecnico così da poter dare sempre il meglio ai giovani judoka della famiglia tsukuri, oltre al maestro Nicola Ripandelli e Stefano Proietti che hanno mostrato sistemi di Studio dei kata.

Il tecnico Di Franco ha avuto la fortuna di stare a fianco al maestro Katanishi facendo da traduttore in quanto il maestro parla francese e giapponese e il Di Franco, grazie alla buona conoscenza del francese, ha potuto vivere a pieno le spiegazioni del grande mastro Giapponese traducendo in italiano a tutti i presenti allo stage.

Altra grandissima soddisfazione del club ventimigliese è il nuovo incarico in cui il Di Franco e stato investito, vice coordinatore nazionale del settore judo. Tale incarico proposto dal coordinatore nazionale Franco Penna e confermato dal presidente Francesco Proietti fa onore al Di Franco che lo mette in una posizione di rilievo e di grande responsabilità su campo nazionale. Durante lo stage il presidente Francesco Proietti e il coordinatore Franco Penna hanno investito il di franco con il prestigioso incarico di fronte al maestro katanishi il quale si è congratulato per l’importante incarico.

Le dichiarazioni del tecnico Di Franco

“Questa mia nomina - spiega Di Franco – mi onora moltissimo, mi motiva ancor di più e mi spinge a fare ancora meglio per crescere e costruire, vedrò di guadagnare la fiducia che mi hanno riposto lavorando nella maniera più trasparente e corretta possibile mettendo in pratica i valori del judo e il grande codice d’onore che fa dello CSEN il più grande ente sportivo che c’è in Italia.

Negli anni ho avuto parecchie porte chiuse in faccia, spesso mi sono trovato in mezzo a vicissitudini politiche che nulla hanno a che fare con lo sport e inutili guerre di quartiere dettate dal senso di conservazione contrarie al principio del judo. Mi sono domandato se ne valeva la pena continuare il mio percorso come modesto atleta e come giovane tecnico, spesso mettendo anche in secondo piano affetti e carriera lavorativa, ma la voglia di crescere e imparare era più grande di qualunque ostacolo, oltre al gruppo che si stava formando con i miei luogotenenti Catassi e Morsia, così siamo sempre andati avanti senza ripensamenti.

Negli anni abbiamo creato buoni rapporti a livello nazionale e internazionale seguendo maestri in tutta Europa, siamo riusciti ad ottenere buoni risultati sportivi ma soprattutto creando una grande famiglia fondata su grandi valori e sani principi coinvolgendo tutte le fasce d’età. A oggi Tsukuri Judo Ventimiglia e nelle prime 5 società in Italia appartenenti allo CSEN, vanta più di 100 iscritti dai 4 ai 60 anni, si adopera nell’aiutare le istituzioni scolastiche private con corsi anti bullismo puntando sui valori del judo, apre la porta ai diversamente abili mettendosi a piena disposizione per aiutarli con lo sport. Un duro lavoro svolto sempre con umiltà e grande amore per gli altri che negli anni ha dato i suoi frutti. Veniteci a trovare saremo felici di avervi nella nostra famiglia”.