Elezioni comunali 2018, Home — 8 giugno 2018 alle 11:45

ELEZIONI IMPERIA 2018: IL CANDIDATO SINDACO CLAUDIO SCAJOLA INCONTRA I VERTICI DI CONFCOMMERCIO. “LA CITTÀ VA GESTITA E CURATA. IL PORTO…”

Incontro alla sede di Confcommercio, questa mattina per Claudio Scajola. Presenti il presidente Enrico Lupi, il direttivo e il board tecnico

di Redazione

claudio scajola elezioni imperia vertici confcommercio porto

Incontro alla sede di Confcommercio, questa mattina per Claudio Scajola. Presenti il presidente Enrico Lupi, il direttivo e il board tecnico.

Scajola, nell’esaminare uno studio sul gradimento da parte dei commercianti dei servizi del Comune di Imperia, sottopostogli dagli interlocutori, come sempre, è entrato nel concreto sostenendo che la città deve essere più attrattiva e manutenuta, anche nelle piccole cose.

Va gestita e curata nei dettagli, dai marciapiedi alle aiuole, come quella all’ingresso di Oneglia, uscendo dal casello di Imperia Est che fa malinconia”. E rincara: “Sono anni che non c’è un euro in bilancio per la manutenzione di fogne e acquedotti”.

Un volano imprescindibile per lo sviluppo economico di Imperia

“E’ il settore agroalimentare, fonte di lavoro e di attrazione turistica: abbiamo i prodotti, dai vini doc all’olio, passando per i fagioli di Conio e i gamberi di Oneglia, e abbiamo la cultura, nobilitata qui dalla tradizione nobile degli assaggiatori di olio. E’ fondamentale capire la rilevanza di questo settore e supportarlo”.

Tra gli argomenti affrontati, anche la necessità di “Rivalutare aree come quella di Italcementi, parlando con la proprietà, dando loro un anno di tempo per presentare un progetto di utilizzo dell’area, altrimenti, la si espropria. Ci vuole coraggio”.

La conclusione di Scajola riguarda il futuro del Porto:

“Vero volano di sviluppo e occupazione per Imperia. Bisogna risolvere i contenziosi. Non si può dire populisticamente che bisogna ridare il porto al Comune. Ci vogliono 95 milioni che il Comune non ha. L’unica soluzione realistica è quella di fare un grande concordato”.