Attualità, Home — 8 giugno 2018 alle 18:21

IMPERIA: AUTOPSIE FANTASMA, OLTRE 100 TESTIMONI NEL PROCESSO PER FALSO. SETTE GLI IMPUTATI, NOMINATO UN PERITO PER LE INTERCETTAZIONI/L’UDIENZA

Si è aperto presso il Tribunale di Imperia il processo per il caso delle cosiddette “autopsie fantasma” che vede sul banco degli imputati, con l’accusa di falso in atto pubblico, sette tra medici, addetti alle camere mortuarie e dipendenti alle onoranze funebri

di Redazione

34750890_10214516425038318_2952367060505591808_n

Si è aperto questa mattina presso il Tribunale di Imperia il processo per il caso delle cosiddette “autopsie fantasma  che vede sul banco degli imputati, con l’accusa di falso in atto pubblicoGiuseppe Garo, 53 anni, Otorinolaringoiatria, Alessandro Zacheo, 42 anni, medico legale, Sandra Maria Motroni Gherardi, 39 anni, medico legale, Claude Orengo, 43 anni, medico legale, Francesco Esposito, 59 anni, addetto camera mortuaria, Leonardo Rosato, 60 anni, addetto camera mortuaria, e Liliana Allaria, 49 anni, legale rappresentante onoranze funebri.

Nel dettaglio, secondo l’accusa, sarebbero stati emessi certificati di morte che attestavano l’esame della salma laddove, invece, nel momento del rilascio del certificato, il medico legale si trovava in altro luogoI certificati contestati dagli inquirenti sono oltre 130.

Oltre 100 i testimoni

Sono oltre 100 i testimoni, tra accusa e difesa, del processo che ha preso il via oggi davanti al giudice monocratico Marta Maria Bossi. Si tratta del secondo filone d’inchiesta sulle “autopsie fantasma” condotto dalla Guardia Finanza. Il primo si è concluso con la condanna di Simona Del Vecchio, ex Dirigente della struttura complessa di medicina legale dell’Asl 1 Imperiese, a 6 anni e 6 mesi di carcere.

Il processo rinviato al 14 settembre. Affidato l’incarico peritale per la trascrizione delle intercettazioni

Il processo è stato rinviato al prossimo 14 settembre. L’udienza odierna è servita solo per formalizzare l’affidamento dell’incarico peritale per la trascrizione delle intercettazioni telefoniche ad Alberto Tarricone.

Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Erminio Annoni, Alessandro Mager, Franco Solerio, Pietro Paolo Guglielmi e Andrea Rovere.