Cultura e manifestazioni, Home — 6 agosto 2018 alle 15:17

IMPERIA ALLA SCOPERTA DEL RELITTO DELL’ANTICA NAVE ROMANA. IL 10 AGOSTO LA PRESENTAZIONE, ROGGERO: “LA CULTURA DEL MARE PUÒ CREARE TURISMO”/FOTO E VIDEO

Consentire al grande pubblico, e non soltanto agli addetti ai lavori, di conoscere il patrimonio storico e biologico del relitto sommerso della nave romana di Imperia

di Redazione

imperia musie navale nave romana presentazione comune

Consentire al grande pubblico, e non soltanto agli addetti ai lavori, di conoscere il patrimonio storico e biologico del relitto sommerso della nave romana di Imperia. È questo l’obiettivo del progetto presentato questa mattina a Palazzo Civico a Imperia dall’assessore alla Cultura e ai Musei, Marcella Roggero, e organizzato in collaborazione tra il Comune di Imperia, la Sovrintendenza ai Beni Archeologici, l’Istituto Internazionale di Studi liguri e l’associazione InfoRmare.

La conferenza al Museo Navale di Imperia

Il progetto prevede una serie di attività per far conoscere a terra il patrimonio presente sott’acqua. Il primo appuntamento sarà un convegno, che si terrà venerdì 10 agosto alle ore 21 presso il Museo Navale di Imperia, nel quale verranno affrontati tutti gli aspetti archeologici e biologici del relitto.

Le immersioni al relitto

L’evento arriva in contemporanea con l’apertura ai subacquei del relitto. Le prime immersioni, realizzate con l’ausilio del diving center Nautilus di Santo Stefano al Mare, sono iniziate infatti soltanto da poche settimane.

Il ritrovamento dell’antica nave romana

La nave romana, rinvenuta a Imperia soltanto pochi anni fa, risale al secondo secolo avanti Cristo ed è stata giudicata dalla Sovrintendenza ai Beni Archeologici come uno dei più importanti ritrovamenti mai avvenuti in Liguria. Centinaia di anfore, adagiate su un fondale di 50 metri di profondità, fanno da tana a specie di immenso valore naturalistico, molte delle quali annoverate negli allegati della Direttiva Habitat come rare, di pregio o in pericolo di estinzione.

Il programma dell’incontro al Musei Navale

Nel corso dell’evento di venerdì prenderanno la parola gli archeologi Simon Luca Trigona, Frida Occelli e Daniela Gandolfi, la biologa marina dell’associazione InfoRmare Monica Previati e il sub Davide Mottola. Verranno proiettati anche i video realizzati nel corso delle prime immersioni.

  • Ore 21.00: Saluti da parte delle autorità comunali;
  • Ore  21.10: Aspetti  archeologici  e  storici  del  relitto a  cura  del  dott.  Simonluca  Trigona  e  della dott.ssa Frida Occelli, Soprintendenza MiBACT della Liguria e della dott.ssa Daniela Gandolfi, IstitutoInternazionale di Studi Liguri;
  • Ore  21.40 Aspetti  tecnici  dell’immersione:  a  cura  dell’istruttore  subacqueo  Davide  Mottola, NAUTILUS Technical Diving Center;
  • Ore 22.10: Aspetti naturalistici del relitto: a cura dello staff dell’asd Informare.

La serata sarà accompagnata dalla proiezione di foto e video subacquei, prodotti e commentati dai soci dell’asd Informare.

Marcella Roggero – Assessore del Comune di Imperia

“Sarà un bellissimo momento in cui per la prima volta il relitto della nave A. Dolia, di fronte proprio al Comune di Imperia, verrà portato in superficie. Un vero e proprio modo di valorizzare il territorio a 360°, non solo in superficie ma anche sott’acqua.

Siamo orgogliosi di ospitare Soprintendenza e associazioni che si sono occupate di questo ritrovamento, anche i diving che lavorano in team per dare spazio al sottomarino, alla parte biologica e archeologica e incominciare a incuriosire tutti su quello che abbiamo sott’acqua oltre che all’interno del Museo.

Trovo che il Museo sia un posto meraviglioso dove approfondire diverse tematiche e questa sarà la prima occasione e siamo contenti.

È un progetto che potrebbe avere ricadute sul turismo, perchè è aperta la possibilità di visitare il relitto a 50m di profondità , quindi un turismo per sportivi e curiosi che una volta arrivati qua a Imperia potranno scoprire anche tutte le altre bellezze”.

Fabio Rossetto – Videomaker dell’asd InfoRmare

“Dobbiamo ringraziare il Nautilus Diving Center di Aregai che ci ha portato sul relitto e ha fornito un’organizzazione logistica impeccabile. Il relitto si trova a 50m di profondità su una piana sabbiosa, quindi una profondità abbastanza importante e necessità di un’assistenza di superficie professionale , quale è stata quella di Nautilus.

L’immersione è stata molto bella, siamo stati i primi subacquei che hanno potuto visitare questo relitto , che oltre alla valenza biologica ha una valenza archeologica e secondo noi anche una valenza turistica. Il subacqueo, appassionato di relitti, se verrà a conoscenza, anche grazie a queste iniziative come quella del 10 di agosto, verrà a conoscenza appunto del relitto, verrà sicuramente non solo per visitare il relitto, ma per visitare il Museo Navale e magari anche tutta la città di Imperia e il meraviglioso entroterra, che va valorizzato perchè è ancora poco conosciuto in Italia.

Il relitto è aperto dalla Soprintendenza gli ultimi weekend di ogni mese , a partire da giugno sino a settembre il relitto è visitabile.

Nautilus Diving Center è la struttura che organizza le immersioni, per tutti i subacquei appassionati che vorranno andare basta che vadano sul sito o sulla loro pagina Facebook per poter avere tutte le informazioni per poter visitare il relitto”.

Il video timelapse dell’immersione al relitto