Entroterra, Home — 18 ottobre 2013 alle 11:20

VILLETTE “ABUSIVE” A DOLCEDO – INTERROGATO PER UN’ORA IL NOTAIO GIOVANNI SAGUATO, IL COLLEGA CRISTIANO LAVEZZARI SI È AVVALSO DELLA FACOLTÀ DI NON RISPONDERE

Il notaio Giovanni Saguato è stato ascoltato, questa mattina, per circa un’ora dal Pubblico Ministero Alessandro Bogliolo e dall’ufficiale di Polizia giudiziaria Gianmarco Danio. Il professionista, indagato dalla Procura della Repubblica di Imperia per aver firmato alcuni atti di compravendita di alcune case e terreni nella zona di Docledo, avrebbe risposto a tutte le domande. L’inchiesta per “lottizzazione abusiva” vede […]

di Gabriele Piccardo

imageIl notaio Giovanni Saguato è stato ascoltato, questa mattina, per circa un’ora dal Pubblico Ministero Alessandro Bogliolo e dall’ufficiale di Polizia giudiziaria Gianmarco Danio. Il professionista, indagato dalla Procura della Repubblica di Imperia per aver firmato alcuni atti di compravendita di alcune case e terreni nella zona di Docledo, avrebbe risposto a tutte le domande. L’inchiesta per “lottizzazione abusiva” vede indagate 172 persone a vario titolo: proprietari delle case e dei lotti, dipendenti dell’ufficio tecnico del Comune di Dolcedo, i titolari dei permessi di costruire, i professionisti che hanno firmato gli atti e i membri della commissione edilizia. L’altro professionista, Cristiano Lavezzari, non si è presentato in tribunale in quanto ha comunicato di volersi avvalere della facoltà di non rispondere. Ieri si è svolto l’interrogatorio del notaio Marco Re, durato circa due ore, mentre quello del collega Franco Amadeo (presidente della Camera di Commercio) è stato rinviato al prossimo 23 ottobre.
Questo pomeriggio, l’assessore regionale all’urbanistica Gabriele Cascino illustrerà alla popolazione la proposta di modifica urbanistica del piano paesistico che permetterà ai titolari delle case di “sanare” la loro posizione.