14 Giugno 2024 13:53

Cerca
Close this search box.

14 Giugno 2024 13:53

LARGO GHIGLIA, ADDIO AL PARCHEGGIO GRATUITO. ARRIVANO LE STRISCE BLU, LA GESTIONE PASSA ALL’IMPERIA SERVIZI/I DETTAGLI

In breve: Entro pochi giorni Oneglia si ritroverà privata, di fatto, di oltre venti parcheggi gratuiti in pieno centro.

11653451_582663698539649_271566284_n

Entro pochi giorni Oneglia si ritroverà privata, di fatto, di oltre venti parcheggi gratuiti in pieno centro. Con un’ordinanza del Comune si stabilisce, infatti, che il parcheggio adiacente le scuole di Largo Ghiglia (Giardini Vittorio Bartolomeo Acquarone), tornerà ad essere a pagamento. Da settembre 2014, infatti, quello che a tutti gli effetti era un parcheggio a strisce blu, con tanto di sbarre e cassa automatica, è aperto all’accesso di chiunque per effetto di un braccio di ferro tra CIV e Comune, del quale avevano beneficiato i cittadini.

Il parcheggio in questione era stato preso in gestione dal CIV che, nel 2007, aveva partecipato a un Bando Europeo che permetteva l’accesso ai fondi dell’Obiettivo 2. Non potendo contare su personale per verificare che i parcheggi venissero pagati e non potendo neppure installare un parcometro, il CIV decise di dotare l’area, a proprie spese, di un costoso sistema di sbarre e di una cassa automatica. Ogni anno gli incassi del parcheggio venivano rendicontati e presentati al Comune e in accordo con esso il CIV decideva a quali eventi e manifestazioni destinare il denaro.

Anche tutte le operazioni di pulizia, manutenzione e sorveglianza del parcheggio, venivano gestite direttamente dal CIV, che però nel settembre del 2014 ha deciso di riconsegnare l’area al Comune. Il motivo? I costi necessari per l’aggiornamento dei software che permettono il funzionamento della sbarra e della cassa automatica, troppo elevati se sommati alle spese di gestione e gli altri oneri a carico del CIV.

Da qui si è prodotta la situazione di stallo che terminerà a breve per effetto dell’ordinanza comunale, con una ventina di posti gratuiti in meno per i cittadini, in una città, come Imperia, in cui le strisce bianche sono diventate un vero e proprio miraggio.

Le sbarre e cassa automatica verranno acquistate dalla società Imperia Servizi, che le aggiornerà e le riutilizzerà per il parcheggio dei camper situato in località Prino. Rimane invece incerto il futuro dell’impianto di videosorveglianza del parcheggio, acquistato a spese del CIV, che vorrebbe venderlo al Comune per dotare finalmente di telecamere i giardini antistanti il parcheggio, più volte vandalizzati in passato.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’” lightbox=”true”]

Condividi questo articolo: