IMPERIA. IL SINDACO CAPACCI ESPRIME SOLIDARIETÀ ALLA COSTA AZZURRA ALLUVIONATA, RICORDANDO GLI “ONEGLIESI” DI BIOT/LA STORIA

Attualità Home

Biot è uno dei paesi più colpiti dall’alluvione in Costa Azzurra. Il sindaco Capacci ricorda i legami tra Imperia e il villaggio francese.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Biot Alluvione

Il sindaco di Imperia, Carlo Capacci, ha espresso con un comunicato la sua solidarietà alle popolazioni colpite dall’alluvione in Costa Azzurra di 3 giorni fa.

Tra i paesi alluvionati, uno dei più colpiti è stato Biot, comune di circa 9000 abitanti poco a nord di Antibes. La storia di Biot è legata a doppio filo a quella di Imperia, dato che nel 1470 una cinquantina di famiglie dell’onegliese partirono da Porto Maurizio per ripopolare il villaggio che era stato distrutto dalla guerra prima e dalla peste nera poi.

Gli onegliesi poterono stabilirsi a Biot ottenendo la proprietà sui terreni da coltivare e svilupparono un dialetto locale, detto “Figun”, molto simile al dialetto ligure.

Negli anni più volte i legami tra i paesi sono stati rinsaldati e celebrati, e il comunicato del sindaco Capacci li ricorda ancora una volta: “Esprimo vicinanza e solidarietà a tutte le persone colpite dai terribili eventi atmosferici nella vicina Francia, in particolare agli abitanti di Biot che nel 1470 fu ripopolato da 50 famiglie provenienti da Oneglia e Porto Maurizio i cui discendenti ancora oggi portano cognomi tipici della nostra città oltre a parlare un dialetto molto simile al nostro.”

 

A cura di Martina Gianfranceschi

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!