17 Giugno 2024 05:57

Cerca
Close this search box.

17 Giugno 2024 05:57

IMPERIA. NIENTE TFR AI LAVORATORI DELL’APPALTO RIFIUTI, LA UIL DEPOSITA 84 DECRETI INGIUNTIVI. NEI GUAI TRADECO E COMUNE/ECCO COSA È SUCCESSO

In breve: Appalto rifiuti, che caos. Il sindacato Uil, attraverso lo studio legale Sciortino, ha depositato 84 decreti ingiuntivi (14 a San Bartolomeo e 70 nei restanti Comuni) nei confronti della Tradeco per un totale di circa 330 mila euro.

tradeco etc

Appalto rifiuti, che caos. Il sindacato Uil, attraverso lo studio legale Sciortino, ha depositato 84 decreti ingiuntivi (14 a San Bartolomeo e 70 nei restanti Comuni) nei confronti della Tradeco per un totale di circa 330 mila euro. Il motivo? Il mancato pagamento di TFR e oneri previdenziali ai lavoratori del servizio di raccolta rifiuti a seguito della rescissione dell’appalto Tradeco. I fatti sono ormai noti. L’azienda pugliese sostiene che spetti al Comune, in quanto si è sostituito alla società di Altamura nel pagamento degli stipendi ai lavoratori, provvedendo di fatto anche alla compilazione dell’ultima busta paga, pagare TFR e oneri previdenziali. Opposta la posizione del Comune, deciso a pagare solo lo stipendio nudo e crudo, senza TFR e oneri providenziali, questi ultimi di competenza della Tradeco.

“Il Comune di Imperia – ha spiegato a ImperiaPost Luigi La Marca della Uil – ha già pagato all’avvocato Monaco una parcella da 240 mila euro. Gran parte del compenso è stato saldato con i rimborsi Tradeco? Non è questo il punto. I lavoratori avevano la precedenza. A mio parere il Comune di Imperia ha sbagliato, poi sarà il giudice a valutare. Come al solito i lavoratori non sono stati tutelati a dovere e sono rimasti senza TFR e contributi”.

Condividi questo articolo: