IMPERIA. SCOMPARSA DOMENICO CARENZO. RIPRESE LE RICERCHE DI PROTEZIONE CIVILE E DEI VIGILI DEL FUOCO IN ZONA GORLERI / LE IMMAGINI

Home Imperia

carenzo ricerche

Imperia- Sono riprese questa mattina le ricerche di Domenico Carenzo, il 74enne imperiese misteriosamente scomparso il 5 luglio scorso in Strada dei Bricui, alle Cascine, sulle alture di Oneglia. L’uomo era uscito di casa per una passeggiata quando ad una certa ora del pomeriggio aveva contattato uno dei figli dicendogli che era a 5 minuti dalla macchina ma da quel momento il blackout più assoluto. Su richiesta dei familiari la Prefettura aveva disposto la ripresa delle ricerche per lo scorso weekend, ma il maltempo aveva bloccato tutto.

Sabato le ricerche si sposteranno dalle alture di Oneglia al dianese, a seguito dell’avvistamento di Domenico Carenzo nei pressi del cimitero di Diano Gorleri il 4 luglio, giorno prima della sua scomparsa. Questa mattina, coordinate dall’unità di comando locale dei vigili del fuoco, sono partite 3 squadre composte da 6 volontari provenienti dai comuni di Sanremo, Taggia, Imperia, Diano Marina, Cervo e anche tre Rangers d’Italia.

Le squadre ripartiranno da “zero” battendo ancora più capillarmente la vasta zona battuta lungo gli ultimi mesi di ricerca. 

L’AVVISTAMENTO

Domenico Carenzo sabato 4 luglio, il giorno prima della sua scomparsa, è stato visto nei pressi del cimitero di Diano Gorleri. La segnalazione arriva da due vicini di casa della famiglia Carenzo, dunque appare piuttosto attendibile. Cosa ci faceva Carenzo in quella zona? I figli e la moglie non ne sapevano nulla. Domenico quel giorno non ne aveva parlato.

Il figlio Diego ha visto arrivare il papà in campagna con un’ora di ritardo rispetto al solito, alle 10.30 invece che alle 9.30. “Ma non mi sono posto il problema” ha raccontato a Imperiapost. “Dopo la segnalazione dei vicini di casa – ha aggiunto – con mia madre e mio fratello ci siamo chiesti centinaia di volte cosa potesse farci nostro padre in quella zona, ma non siamo mai riusciti a darci una risposta“.

La famiglia Carenzo vive a Castelvecchio, dunque molto distante dal luogo dell’avvistamento. Un dubbio ora assale i familiari di Domenico Carenzo. E se fosse tornato o fosse semplicemente passato di li quel maledetto 5 luglio? Per questo le ricerche sono state estese al dianese, anche se solo per un giorno. Una zona, quella del cimitero di Gorleri, mai battuta nei mesi scorsi.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’” lightbox=”true”]