IMPERIA. INCONTRO DI CASAPOUND IN BIBLIOTECA. L’INDIGNAZIONE DELL’ANPI:”LO STATO DEVE RIBADIRE DI ESSERE ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA”/IL CASO

Attualità Home

evento_anpi

A seguito della notizia che la presentazione del libro ‘Un Samurai D’Occidente’ di Dominique Venner, organizzata da Casa Pound, avrà ugualmente luogo nei locali della Biblioteca Civica Imperia, interviene il presidente del Comitato Provinciale dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), Ezio Lavezzi.

“Abbiamo appreso che la presentazione del libro ‘Un Samurai D’Occidente’ di Dominique Venner, organizzata da Casa Pound presso la biblioteca civica di Imperia, è stata soltanto rinviata di pochi giorni – afferma il Presidente del Comitato Provinciale dell’ANPI, Ezio Lavezzi – anche a seguito della reazione indignata della cittadinanza, delle associazioni e dei partiti.

Ricordiamo che Venner fu un attivista dell’estrema destra francese, membro dell’Organisation armèe secréte (OAS), un’organizzazione paramilitare francese clandestina che, solo tra il maggio 1961 ed il settembre 1962, uccise 2.700 persone, di cui 2.400 algerini. Riteniamo assolutamente legittimo che i Militanti di Casa Pound svolgano le loro attività, in nome di quella libertà di cui anche essi godono grazie alla nostra Costituzione.

Riteniamo tuttavia assolutamente inopportuno che la presentazione del volume in questione avvenga presso la Biblioteca Lagorio, biblioteca della città capoluogo di una provincia Medaglia d’oro per la Resistenza. Riteniamo che le Istituzioni e i loro rappresentanti debbano , con reale convinzione e con atti inequivocabili, ribadire chiaramente, senza ombre e ambiguità che il nostro è uno Stato antifascista, antirazzista e tale intende rimanere”.