IMPERIA. AL POLO UNIVERSITARIO IL CONVEGNO “TURISMI IN RIVIERA”. BENEDETTI:”ABBIAMO UN PATRIMONIO NOTEVOLE, DOBBIAMO SFRUTTARLO”/FOTO E VIDEO

Cultura e manifestazioni Home

collaeg_poloturismiriviera

Questa mattina, giovedì 25 maggio, si è svolta la seconda edizione del Convegno ” TURISMI IN RIVIERA – Il turismo e i suoi mille volti ” organizzato in collaborazione tra Confesercenti, Assoturismo, Cescot e Università degli Studi di Genova – Polo Universitario Imperiese – Dipartimento di Economia, Scienze del Turismo impresa, cultura e territorio.

Sono intervenuti in ordine cronologico

Il Direttore provinciale Confesercenti Dott. Cosentino Giovanni, il quale, salutate e ringraziate le persone presenti e le autorità, ha sottolineato l’importanza del Convegno, l’apporto che Confesercenti sta mettendo in atto credendo profondamente nel turismo come importantissima risorsa economica del nostro territorio;

Il Presidente della Provincia di Imperia Fabio Natta ha dichiarato come il turismo sia un’importante risorsa e affinché si possano ottenere risultati per tutti i settori economici del nostro territorio, bisognerebbe evitare campanilismi e lavorare d’amore e d’accordo tra enti locali, associazioni e organizzazioni;

Il Vice Presidente Vicario Camera di Commercio Riviere di Liguria Enrico Lupi ha evidenziato l’importanza del turismo, commercio e servizi come definendoli come asse portante dell’economia locale;

Sua Eccellenza Silvana Tizzano Prefetto di Imperia ha evidenziato come il rapporto tra università, territorio e associazioni sia fondamentale per il rilancio del patrimonio artistico aprendo ad iniziative sociali e di integrazione;

Il Consigliere Regionale Giovanni Barbagallo ha evidenziato come tutto ciò che ci circonda faccia parte del settore del turismo dai dettagli che concernono le aiuole di una città, alle macrostrutture; inoltre ha sottolineato come la Liguria offra opportunità connesse tra agricoltura e turismo da poter sfruttare per incentivare il turismo;

L’Assessore al Turismo della Città di Imperia Simone Vassallo è intervenuto sottolineando come la vicinanza tra mare e montagna sia una peculiarità esclusiva del nostro territorio da sfruttare maggiormente; gli enti locali non hanno purtroppo grandi risorse economiche, pertanto, unendo le forze tra tutti i soggetti coinvolti, si può sopperire a tale mancanza;

Fulvio Fellegara Segretario Generale CGIL Imperia, auspica ad un rilancio del turismo per aumentare l’occupazione lavorativa connessa a tale settore, destagionalizzandolo, promuovendolo compattamente ed unitariamente.

Il Professor Fontana Vice Preside della Scuola di Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Genova, è intervenuto sottolineando come il turismo rappresenti il 10% del PIL mondiale. L’Italia dovrebbe essere al primo posto al mondo invece è al terzo. I punti di forza del nostro territorio sono il patrimonio naturale e culturale, mentre i punti di debolezza sono le infrastrutture e i trasporti. Impossibile è ci che non si tenta”.

Il Professor Zanini, Coordinatore del Corso di Studi in Scienze del Turismo dell’Università degli Studi di Genova, ha fatto rilevare l’importanza degli elementi connessi alla storia dell’arte del territorio come elemento fondamentale per faar emergere un turismo collegato ad elementi del passato nel presente.

Le Professoresse dell’Istituto Turistico Tecnico Hanbury, hanno portato a conoscenza di tutti i presenti i progetti realizzati e le attività dell’Istituto: tutti processi di fondamentale importanza per la formazione di operatori specializzati nel settore, quali gli studenti dell’istituto. In particolare è stato presentato il progetto “Enjoyimperia”, realizzato in collaborazione con ImperiaPost, per promuovere le bellezze del territorio imperiese.

La Professoressa Benevolo Docente di Economia e Gestione delle Imprese e delle Destinazioni Turistiche dell’Università degli Studi di Genova ha sottolineato come andrebbe incrementato l’attrazione e l’offerta del turismo nautico per vivere il mare non solo dalla spiaggia.

Il Dottor Ferrante, Delegato del Rettore dell’Università degli Studi di Genova per il Polo di Imperia è intervenuto ribadendo la fondamentale sinergia tra il mondo imprenditoriale, scientifico e universitario.

Il neo Presidente Regionale di Confesercenti Liguria Marco Benedetti ha esordito con il suo primo discorso in pubblico da neo Presidente, con emozione e passione, esaltando le potenzialità da sviluppare e riprendere per ripercorrere le strade di successo del passato, da rielaborare con idee innovative per il futuro.

Inoltre ha sottolineato l’importanza della qualità delle imprese, dei trasporti e del capitale umano. Gioco forza per il futuro è il rapporto con le scuole e le università che formano gli imprenditori del domani. Indispensabile saranno gli interventi costanti e coordinati degli enti locali. Infine ha dato appuntamento al prossimo anno per la terza edizione con ulteriori novità ed idee per sostenere il turismo.

Il Professor Grasso Docente di Economia e Gestione delle Imprese e delle Destinazioni Turistiche dell’Università degli Studi di Genova ha esaltato l’importanza della valorizzazione del marchio Riviera dei Fiori e per poterlo riportare in auge servirebbe una promozione turistica con valenza ampia.

Infine sono stati presentati i lavori degli studenti laureandi di Scienze del Turismo, della Cultura, dell’Impresa e del Territorio premiati da Confesercenti per i tre migliori elaborati per il concorso “Turismi in Riviera”: Giacomo Michelis, Celine Lechene, Maria Gandolfo.

Una giornata all’insegna della collaborazione, della proposta e delle sinergie da mettere in atto per far risorgere, sviluppare ed arricchire il nostro territorio in tutti i settori che coinvolgono il turismo.

MARCO BENEDETTI

“Questo convegno è organizzato insieme all’Università, Corso di Laurea in Scienze Turistiche. Credo che sia importante questo rapporto tra imprese e università. E’ importante scambiare delle informazioni, dei ragionamenti. E’ importante per la qualificazione degli operatori, perché una delle cose più importanti nel nostro mondo è la professionalità. Credo che muoversi in questa direzione, nel rapporto tra imprese e Università, sia un dato importante. Lo scopo è quello di fornire subito ai giovani la corretta formazione in tema di turismo. Siamo già alla seconda edizione del convegno e quest’anno premieremo anche alcuni lavori fatti dagli studenti, con delle borse di studio, per certificare questo rapporto con la scuola.

Noi dobbiamo far capire come il turismo possa davvero essere un volano per tutta l’economia. E’ un volano per l’agricoltura di qualità, un volano per le attività commerciali, per le attività artigianali minori, un volano per i prodotti industriali. Penso ad esempio alla nostra grande produzione di olio. Dobbiamo far si che questo aspetto sia centrale nella mentalità, nel lavoro, e spesso non è così. Se non riusciamo a far passare questo messaggio, non riusciamo a imboccare la strada giusta. Oggi il presidente della Provincia, portando il saluto a questo convegno, ha detto che purtroppo la Provincia si troverà costretta a chiudere qualche squadra nell’entroterra per ragioni finanziarie, ma il fatto è che il problema non è qualche strada di collegamento, ma che non si ha la percezione di quanto siano importanti turisticamente questi percorsi. Noi dobbiamo fare un lavoro culturale forti, noi operatori, noi imprese, per far capire come la pulizia delle strade, la vivibilità, sono aspetti fondamentali.

Ci sono possibilità enormi, abbiamo dei patrimoni notevolissimi, abbiamo possibilità importanti che dobbiamo saper mettere a frutto. Viviamo in un momento in cui gli arrivi stanno aumentando e dobbiamo mettere a frutto questa opportunità, destagionalizzando anche il turismo, per far si che non sia legato solo al mare e alle spiagge, ma all’intero territorio, unico per le sue caratteristiche”.

SIMONE VASSALLO

“È una convegno importante, il secondo appuntamento nella nostra città. Un motivo di orgoglio per me. Chiaramente ho portato i saluti dell’amministrazione, relazionando su quello che è il turismo all’interno del nostro territorio.

Un grazie a Confesercenti, al Polo Universitario Imperiese per aver portato questo appuntamento importante. Turismo vuol dire tutto, un lavoro di sinergia fra tutte le associazioni di categoria, i commercianti e l’amministrazione comunale.

Dobbiamo cercare di dare un volto positivo alla nostra città, un volto positivo al nostro territorio. Deve essere un trampolino di lancio.

Il mio settore, con le competenze tra il turismo, le manifestazioni e la promozione del territorio è un pacchetto completo,  dobbiamo offrire a chi viene a Imperia una motivazione giusta per poterci ritornare. Questo è fondamentale.

Abbiamo instaurato una sorta di rapporto di collaborazione con tutti i comuni e con la Regione Liguria per lo sviluppo del turismo. Credo questo sia fondamentale e sia importante.

Alla luce di questo si penserà anche in futuro di trovare un accordo su questa famigerata tassa di soggiorno. Chiaramente le tasse non sono una cosa che fa piacere agli amministratori. Non piace doverle imporle ai cittadini che verranno in vacanza, ma devono essere ai fini di poterle utilizzare per far del turismo e poi utilizzarle chiaramente per la promozione del territorio. Se vengono inserite in un calderone, tutto questo non può servire allo sviluppo.

Si sa che gli enti locali oggi sono sofferenti dal punto di vista economico e con l’inserimento di una tassa di soggiorno, valutandola fra le singole associazioni di categoria e i commercianti, si potrà utilizzare questo patto di sviluppo turistico al 60% per manifestazioni ed eventi e quello che è la formazione del territorio e al 40% per l’arredo urbano.

Così avremo un’immagine adeguata e una serie di eventi e manifestazioni che potranno permette di dare motivazioni fondamentali al turista che viene a Imperia”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’” lightbox=”true” exclude=”252559″]