17 Giugno 2024 05:29

Cerca
Close this search box.

17 Giugno 2024 05:29

IMPERIA. VIOLENZA SESSUALE, PROCESSO AL GINECOLOGO NICOLETTI. SFILANO I TESTIMONI, IN AULA TRE MEDICI E…/L’UDIENZA

In breve: Nuova udienza questa mattina del processo che vede sul banco degli imputati il ginecologo Luca Nicoletti, accusato di violenza sessuale su 7 pazienti

collage_trib_nic_aula

Nuova udienza questa mattina del processo che vede sul banco degli imputati il ginecologo Luca Nicoletti, accusato di violenza sessuale su 7 pazienti.  In aula, a differenza della scorsa udienza, non erano presenti le presunte vittime degli abusi (che hanno già testimoniato), difese degli avvocati Tito Schivo, Michele Ferrari e Grazia Piacentino,  mentre invece era regolarmente presente il ginecologo, difeso dall’avvocato Andrea Vernazza. 

Questa mattina sono stati sentiti cinque testimoni dell’accusa, rappresentata dal Pubblico Ministero Antonella Politi. Davanti al collegio dei Giudici, composto da Laura Russo, Donatella Aschero e Caterina Lungaro, sono sfilati due teste vicini alle presunte vittime e tre medici, in particolare due ginecologi e un medico generico. Tutti sono stati interrogati in merito a specifici episodi contestati a Nicoletti.

Il processo è stato rinviato al prossimo 19 ottobre, quando verranno ascoltati i restanti testimoni.

Il ginecologo Luca Nicoletti venne arrestato lo scorso 25 febbraio dai Carabinieri del N.A.S.. In totale sono sette le presunte vittime del medico sul quale pende l’accusa di violenza sessuale aggravatain quanto commessa da persone incaricate di pubblico servizio. Tutte le vittime hanno descritto il medesimo modus operanti di Nicoletti, raccontando che le visite avvenivano in ospedale alla presenza del solo medico e con le porte del laboratorio chiuse.

L’arresto del ginecologo Luca Nicoletti ha provocato una valanga di polemiche, soprattutto per la decisa presa di posizione di alcune pazienti del medico genovese, che addirittura hanno organizzato una manifestazione di solidarietà con tanto di corteo di fronte alla caserma dei Carabinieri.

Condividi questo articolo: