IMPERIA. ENTRA IN CONFIDENZA CON I FIGLI DELLE FAMIGLIE ABBIENTI PER COMPIERE FURTI DI “LUSSO”. 30ENNE CONDANNATO IN TRIBUNALE/LA STORIA

Cronaca Home

Inizia così la vicenda che vede protagonista un 30enne imperiese finito a processo in Tribunale a Imperia con l’accusa di furto.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

ftucs

Un normale rapporto amicizia come ce ne sono tanti a quell’età. Inizia così la vicenda che vede protagonista un 30enne imperiese finito a processo in Tribunale a Imperia con l’accusa di furto.

I fatti risalgono al 2013, quando il giovane, all’epoca 26enne, aveva instaurato un rapporto di amicizia con una coetanea, appartenente a una famiglia abbiente di Imperia. Grazie a questo rapporto, l’imputato era riuscito a entrare nel “giro” di amicizie della ragazza.

Entrando in confidenza con i nuovi amici, il giovane aveva iniziato ad essere invitato nelle loro abitazioni, dove, in diverse occasioni, aveva compiuto i furti, sottraendo, in particolare, orologi costosi, orecchini e numerosi altri oggetti di valore.

Scoprendo l’accaduto, le famiglie avevano sporto varie denunce alle Forze dell’Ordine. Solo dopo diverso tempo, è stato individuato come responsabile proprio il nuovo conoscente.

Finito a processo, il 30enne, difeso dall’avvocato Marco Carli, ha patteggiato una pena pari a 6 mesi di carcere e ha risarcito il danno. La sentenza è stata pronunciata dal giudice monocratico Alessia Ceccardi, dinnanzi al PM Federica Pastorelli.

Si sono costituite parti civili tre soggetti vittime dei furti, tutti rappresentati dall’avvocato Sabrina Tallone.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!