IMPERIA. “VIENI A CASA MIA CHE TI MOSTRO UN NUOVO GIOCO”. SEMINUDO, TENTÒ DI ADESCARE UN 11ENNE. A PROCESSO UN 73ENNE/L’UDIENZA

Cronaca Home

Ha preso il via questa mattina in Tribunale a Imperia il processo che vede sul banco degli imputati un 73enne arrestato dalla Polizia di Stato nell’agosto del 2017 con l’accusa di adescamento di minorenni e atti osceni.

artn

Ha preso il via questa mattina in Tribunale a Imperia il processo che vede sul banco degli imputati un 73enne, originario della provincia di Massa Carrara, ma residente da anni a Imperia, arrestato dalla Polizia di Stato nell’agosto del 2017 con l’accusa di adescamento di minorenni e atti osceni.

I fatti risalgono al luglio del 2017, quando la Squadra Mobile, allertata dai genitori di alcuni bambini, avviò le indagini. Gli accertamenti permisero di ricostruire quanto accaduto in un’ordinaria serata estiva nei pressi di un campo da gioco accanto all’abitazione dell’arrestato, già noto alle forze dell’ordine e alla magistratura per episodi analoghi che, in passato, gli erano già costati una pesante condanna a 2 anni e 8 mesi di carcere.

In particolare, si accertò che l’anziano, presentandosi svestito nelle parti intime ed eccitato, dal terrazzo di casa, che si affaccia su un giardino pubblico ed altri luoghi abitualmente frequentati da minori e dai loro genitori, invitò un bambino di 11 anni che giocava nelle vicinanze a raggiungerlo nell’abitazione per mostrargli “un nuovo gioco”, e si mostrò nella medesima condizione ad un altro minorenne accorso per appurare quanto stava accedendo.

Nel corso dell’udienza odierna, sono stati sentiti dal giudice Russo e dal PM Politi l’11enne vittima dell’adescamento e alcuni agenti di Polizia intervenuti sul posto il giorno in cui si è verificato l’episodio, il gestore del campo da gioco dove sono avvenuti i fatti e altri testimoni.

Il processo è stato rinviato al prossimo 9 aprile.

Segui Imperiapost anche su: