Attualità, Home — 23 aprile 2018 alle 12:31

TAGGIA: “PERCHÈ NO AL BIODIGESTORE”, VENERDÌ 27 APRILE A VILLA BOSELLI L’INCONTRO DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Il M5S Sanremo rende nota la lettera che verrà presentata venerdì 27 aprile all’incontro “Perchè no al biodigestore” a Taggia a Villa Boselli alle ore 21

di Redazione

movimento-5-stelle-sanremo-incontro-villa-boselli-depuratore

Il M5S Sanremo rende nota la lettera che verrà presentata venerdì 27 aprile all’incontro “Perchè no al biodigestore” a Taggia a Villa Boselli alle ore 21.

Nella lettera si chiede alla Regione l’ avvio di Inchiesta Pubblica per la Valutazione di impatto ambientale del progetto del Biodigestore. Verrà chiesto al Sindaco di Taggia Mario Conio (che sarà presente all’incontro) di aderire come primo firmatario della richiesta. Tutti i cittadini che lo vorranno potranno sottoscriverla.

A Villa Boselli l’incontro del M5S di Sanremo per dire no al Biodigestore con un’inchiesta pubblica

L’Inchiesta Pubblica può essere richiesta alla Regione quando i progetti hanno rilevanza e significatività sotto il profilo industriale, economico e che possono produrre impatti significativi negativi, come in questo caso.

L’inchiesta Pubblica esaminerà lo studio di impatto ambientale, i pareri forniti dalle pubbliche amministrazioni e le osservazioni dei cittadini. Quindi, ci sarà un ruolo attivo dei cittadini e delle associazioni nei processi decisionali proponendo anche soluzioni alternative.

L’Inchiesta Pubblica si articola in udienze sempre pubbliche presso il Comune nel cui ambito è localizzato il progetto, in questo caso Taggia. Di norma, c’è un’udienza illustrativa e successivamente udienze in cui vengono formulate le osservazioni e/o eventuali proposte.

Il presidente dell’Inchiesta Pubblica nominerà un segretario che redigerà un verbale di ogni udienza e verranno pubblicati online sul sito di riferimento. Lo svolgimento dell’inchiesta pubblica non comporterà interruzioni o sospensioni dei termini per l’istruttoria del progetto sottoposto a V.I.A.

Il Presidente redigerà un rapporto finale che conterrà:

  • una sintesi dei principali argomenti trattati, le osservazioni formulate e le eventuali proposte presentate.
  • i verbali delle udienze pubbliche, con la lista dei partecipanti
  • una relazione del Presidente contenente il giudizio sui risultati dell’inchiesta pubblica, nonché varianti progettuali, indirizzi e prescrizioni ai fini della conclusione del procedimento di valutazione dell’impatto ambientale.

Nell’incontro del 27 aprile verranno presentate anche le osservazioni che il M5S Sanremo presenterà in Regione relative alla V.I.A (Valutazione di impatto ambientale) inerenti sempre il Biodigestore, si parlerà dell’impatto sulla salute e le soluzioni alternative all’impianto.

Relatori dell’incontro:

  • Marco Grondacci giurista ambientale,
  • i parlamentari del M5S Leda Volpi e Matteo Mantero,
  • la consigliera regionale del M5S Alice Salvatore.

Lettera del Movimento 5 Stelle di Sanremo , per dire no al Biodigestore

C.S.

 
 
 
POPUPOKLANT