Cronaca, Home — 23 aprile 2018 alle 18:34

NASCONDEVA IN CASA UNA PISTOLA E 72 GRAMMI DI COCAINA, 31ENNE ARRESTATO DAI CARABINIERI

Questo è quanto rivenuto dagli agenti del Commissariato P.S. di Ventimiglia, all’esito di una perquisizione eseguita lo scorso sabato, presso l’abitazione di F.E cittadino albanese, 31 anni, residente a Dolceacqua

di Redazione

carabinieri-dolceacqua-arresto-pistola-cocaina

Una pistola con matricola abrasa – calibro 22 “short & long” marca EIG Derringer e una confezione con nr. 46 proiettili calibro 22.

Questo è quanto rivenuto dagli agenti del Commissariato P.S. di Ventimiglia, all’esito di una perquisizione eseguita lo scorso sabato, presso l’abitazione di F.E cittadino albanese, 31 anni, residente a Dolceacqua.

Gli intensificati dispositivi di controllo del territorio, non solo nella città di confine, ma anche nelle località a maggior richiamo turistico del comprensorio, hanno condotto gli agenti, i quali da tempo stavano seguendo una pista investigativa, alla perquisizione nel ridente borgo nel primo entroterra ventimigliese.

31 enne albanese arrestato dai Carabinieri di Ventimiglia: l’operazione

Il soggetto non nascondeva solo armi; infatti veniva rinvenuto, all’interno di un mobile, un armadietto ubicato all’interno di una nicchia sul muro della camera da letto, ove erano occultati pistola e munizioni, anche droga nascosta in una cassetta in metallo all’interno di un sacchetto in nylon.

All’interno della cassetta vi erano 4 sacchetti in cellophane termosaldato contenenti complessivamente 72.58 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, oltre che due bilancini di precisione.

Inoltre sul comodino veniva recuperato e successivamente sequestrato il telefono in uso allo straniero nel quale sono memorizzati dati ritenuti utili agli investigatori.

Il cittadino albanese, irregolare sul nostro territorio fin dal suo arrivò in Italia circa sei anni orsono, con un precedente per furto, risultava essere privo di una stabile e comprovata attività lavorativa e verosimilmente traeva il proprio mezzp di sostentamento da attività illecite.

Per i fatti accertati, l’uomo veniva tratto in arresto ed accompagnato negli Uffici del Commissariato ventimigliese per la redazione degli atti di rito.

Successivamente tradotto presso il carcere di Imperia, a disposizione dell’Autorità giudiziaria, sarà sottoposto a processo per i reati di detenzione illegale d’arma da fuoco e relativo munizionamento nonché per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.